Pensieri Sparsi

Every success Story starts with a Dream.


La foto copertina del post è lo sfondo del mio desktop da circa un anno, probabilmente l’ho scelta in un momento in cui mi sentivo persa lungo quel cammino che avevo immaginato decisamente diverso quando, ancora ventenne, mi fermavo a fantasticare sul mio futuro. La verità è che nessuno ci insegna niente per davvero in questa vita e, fin troppe volte, le lezioni da imparare sono quelle che lasciano più cicatrici sulla nostra anima, in quella parte così recondita del nostro io da essere quasi invisibile anche a noi stessi.c9867d70cea2717519be1cac50d24481

E’ così che un professore troppo concentrato sulla sua frustrazione finisce per farti dubitare delle tue capacità insinuando dentro di te un dubbio che in precedenza mai ti aveva sfiorata, presuntuosa e determinata come volevi che il mondo ti vedesse.

tumblr_n2ftgcn36s1rv07a4o1_400

Succede che quel traguardo finale spostato sempre un po’ più in là da chi da te aveva iniziato a pretendere l’impossibile finisca per risucchiarti tutta quella determinazione e quella voglia di dimostrare al mondo di cosa tu fossi fatta, per privarti di quell’energia positiva che ti aveva permesso di sognare un futuro diverso, un futuro migliore.

635963736667935294986683781_tumblr_m0kybu3h9r1qhgj0co1_500

Succede che, privata da quell’energia, tu decida di abbandonare quel tuo sogno, di modificare quel futuro su cui tanto avevi fantasticato, quello con cui aveva riempito la testa ad amici e parenti, per accontentarti di quello che la vita ti mette d’avanti. Ti racconti che non hai più forza di studiare, di continuare a fare sacrifici per raggiungere quel traguardo che, probabilmente senza neanche accorgertene, avevi accarezzato sin da quando eri poco più che una bambina. Ti convinci che è arrivato il momento di lavorare, anche se quel lavoro sembra così lontano da come lo avevi immaginato quando avevi iniziato l’università; decidi di partire da zero, da quel posto che avevi sempre definito il fallimento delle tue ambizioni perché, in realtà, di ambizioso ormai nella tua testa non è rimasto più nulla.ztmp6jm

Ti concedi del tempo, provi a reinventarti, segui corsi e acquisisci qualifiche, provi ad intraprendere nuove strade sperando di trovare finalmente quella giusta.
Ti convinci che l’importante è avere uno stipendio a fine mese, che è essenziale per riuscire a soddisfare i tuoi bisogni anche quando questi sono solo capricci, regali per la tua insoddisfazione; ti racconti che va bene alzarsi dal letto demotivata per la ripetitività di quei documenti che proprio non riesce a piacerti preparare, di quelle telefonate prive di conclusione, di quelle mail che di senso sembra averne sempre meno.

raw.gif

Succede che pian piano torna quell’ansia che speravi di aver imparato a gestire, quella che ti annienta giorno dopo giorno portandoti sempre un po’ più lontana da quella te stessa che meritavi di essere. Quella che meriti di tornare ad essere.2fbaa62e-7ce2-4840-84c7-07713204e1fb

Una lunga premessa quella di oggi, lo so, ma vi avevo promesso degli aggiornamenti e non sarebbe stata la stessa cosa raccontarvi di come vanno le cose adesso senza raccontarvi un pochino più di chi sono io, chi ero e chi sarei voluta essere. Probabilmente se ci fossimo incontrati circa di dieci anni fa vi avrei raccontato che ero una studentessa di architettura che, con più esami sul libretto che sullo statone, si era resa conto che forse da grande non era proprio l’architetto che avrebbe voluto fare ma che aveva scoperto che con la sua laurea in architettura avrebbe potuto frequentare un master in designer di yacth e lei, inutile sottolinearlo, sarebbe diventata una designer di yacht fighissima.

rc68h2

La verità è che la vita a volte fa dei percorsi strani, tortuosi, ma in modi che non ci è dato capire i fili del nostro destino si intrecciano e ci muovono mettendoci al posto giusto al momento giusto; a volte basta solo avere il coraggio di mollare la presa, ascoltare la propria debolezze ed i propri desideri e rimboccarsi le maniche.work-bitch-gifs-6

E’ passata appena una settimana da quando ho cambiato lavoro, troppo poco tempo per tirare la somme, quanto basta per potervi raccontare che ho smesso di morire tra attestati e documenti che non riuscivano a catturare la mia attenzione, ho smesso di sentirmi morire al pensiero di un altro giorno in ufficio, ho smesso di pensare di stare sprecando la mia vita persa in un tunnel succhia energia vitale da cui avevo il terrore di non riuscire più ad uscire. Ho iniziato a sfidare me stessa, le mie capacità, la mia testardaggine a raggiungere un obiettivo, ad affrontare nuove ansie e nuove paure e a ritrovare quella parte di me stessa che temevo fosse andata persa, quella convinta che posso fare tutto, devo solo provarci davvero.
a6ddff9b2cb51610b61bf29409be0a24
Ho ascoltato il richiamo del mare!
Lo osservo dalla finestra del mio ufficio e sorrido all’opportunità che mi è stata data sperando che prima o poi, sugli yacht che per adesso posso solo aiutare a modellare al pc, prima o poi mi faranno mettere piede.  [Smetti di pensare a fare foto per Instagram, perde enfasi tutto il discorso eh.]
tumblr_oc19cfejq91ql5yr7o1_500
E domani è lunedì…ma un pò meno lunedì.
In bocca al lupo a me.

Pensieri Sparsi

30 Days Writing Challenge – 4


Sto iniziando a sentirmi come un superstite su un’isola deserta con questo conteggio dei giorni. Sono passati 4 giorni da quando la mia barca è affondata, mio padre ha usato la sua pistola per uccidere se stesso e l’unico membro dell’equipaggio che si era salvato per consentire a me di sopravvivere con le poche scorte di cibo a noi rimaste….ah no, quello era Oliver Queen, mi sto confondendo!?!

Ammetto che oggi è una di quelle giornate in cui potrei racchiudere tutto il mio stato d’animo con un enorme: non mi va. Non mi va di essere a lavoro, eppure ci sono; non mi va parlare con la gente, eppure ci parlo; non mi va non mi va di muovermi, eppure non ho ancora le radici; non mi va di sorridere e…no quello oggi non lo faccio.

Non mi va poi così tanto di rispondere a delle domande, un quesito, una curiosità, oggi eppure sono dinanzi al mio iPad a digitare questi pensieri sconnessi perchè non è poi così difficile mantenere un impegno. Bugiarda.

Giorno 4 – Scrivi di qualcuno che ti ispira.

Se avessi risposto a questa domanda intorno ai 10 anni quasi sicuramente avrei risposto: Sailor Moon. Non giudicatemi eh, ero una bambina eppure avevo le idee molto chiare. Di base Bunny era una ragazzetta che non aveva molta voglia di studiare [ok, in questo eravamo decisamente diverse] che, senza sapere bene nè come e nè perchè, combatteva indossando una gonnellina cortissima e un fighissimo diadema contro dei mostri più idioti che cattivi. Aveva un fidanzato più grande, Marzio, stronzetto quanto basta e figo da morire, che, per non farsi mancare nulla, combatteva i cattivi lanciando rose e indossando mantello e cilindro. Non dimentichiamo una cosa, oserei dire, fondamentale: Bunny, in realtà, era in realtà la reincarnazione della Principessa Serenity e il bel Marzio altri non è che la reincarnazione del suo amato Principe Endymion.

Insomma da ragazzina scansafatiche a Principessa nel giro di una serie televisiva; come potevo non esserne ispirata?


Crescendo ho abbandonato l’idea di farmi ispirare da una combattente che veste alla marinara, per rivolgere le miei ispirazioni verso ben altri lidi. Per quanto i miei natali non fossero stati così generosi, ad un certo punto del mio periodo universitario, la mia musa ispiratrice era una soltanto: Paris Hilton. E’ chiaro che la donna dall’elevato quoziente intellettivo mi ha sempre ispirato.

Mentre io mi barcamenavo nella mia vita fatta di professori che ritenevano che le donne non potessero essere architetti, autocad e i suoi errori irreversibili e ragazzetti che si ostinavano ad inviarmi rose nonostante i chiari rifiuti, osservavo la vita della ricca ereditiera chiedendomi: perchè non sono una Hilton? Non avevo chiesto poi così tanto alla vita, eh: una vita da ricca ereditiera io la meritavo davvero. E invece della ricca ereditiera avevo preso solo lo stile di vita al suono di: se sei felice vestiti di rosa [Confessioni di un’ereditiera ben spiegava il decalogo della vita da ereditiera,eh] e i capelli biondi [che a riguardarli adesso mi domando: ma cosa mi raccontava la testa?].

Fortunatamente sono cresciuta e, per quanto ancora aspetto la telefonata di papà Hilton che mi comunica che hanno sbagliato a darmi in adozione e c’è parte della mia legittima eredità ad attendermi, ho capito finalmente chi sono le persone che davvero mi sono di ispirazione: i miei genitori. E come potrebbe essere diversamente? Vorrei un giorno riuscire ad essere almeno un pò più simile ad entrambi e renderli davvero orgogliosi di me. Vorrei avere la pazienza di mia madre e la sua bontà d’animo, la sua forza nell’affrontare la vita senza portare rancore verso nessuno, la sua gentilezza e la sua dolcezza, il suo modo di stare al mondo riuscendo a fare spazio a chi ne ha più bisogno sempre e comunque anche a costo di dover fare un passo indietro. Vorrei avere la tenacia e la caparbietà di mio padre, riuscire ad avere successo e diventare qualcuno esattamente come ha fatto lui, guadagnarmi il rispetto della gente semplicemente con il mio lavoro, la mia bravura e la mia capacità di risolvere i problemi esattamente come lui, vorrei avere la sua generosità verso chi ne ha bisogno, la sua capacità di tendere la mano verso il prossimo mettendosi sempre un pò in disparte perchè si sa: il bene non si dice, si fa.


Vorrei riuscire a trovare un uomo, quello giusto, che mi ami allo stesso modo in cui mio padre ama mia madre, riuscire a costruire una famiglia, una vita, una mia felicità seguendo i loro insegnamenti, vorrei che i miei figli [se mai dovessi averne eh] un giorno guardandomi provino lo stesso sentimento di profondo amore e ammirazione che riempie i miei occhi quando guardo i miei genitori.


Vorrei, decisamente, essere più simile a loro…anche se fossi una Hilton.


Mondo Tag · Pensieri Sparsi

30 Days Writing Challenge – 2


BuongiorNO!
Per educazione mi tocca iniziare questo post augurandovi Buongiorno, ma non solo oggi è Lunedì, ed il che già la dice lunga sul mio stato emotivo, a quanto pare sembra che oggi sia l’ormai famoso lunedi più triste dell’intero anno, noto a tutti come Blue Monday: insomma Buongiorno un cazehmm, smetti di essere scurrile e maleducataBuong….non ci riesco ehwhatsapp-image-2017-01-16-at-15-32-29Heeeeey, eccovi nuovamente in questo favoloso spazio gestito da un bellissimo unicorno, pronti a rispondere al quesito del secondo giorno di questa sfida di scrittura.
30-day-writing-challenge2
Giorno 2: Scrivi qualcosa che qualcuno ti ha detto su te stessa che non hai mai dimenticato.
giphy3
Letto il tema del giorno, mi sono ritrovata dinanzi ad un bivio: una risposta leggera e scanzonata o una risposta più introspettiva?
La prima scelta risulterebbe, senza ombra di dubbio, più facile, basterebbe citare qualche complimento lusinghiero ricevuto da un corteggiatore insistente, qualche commento positivo di un vecchio professore, un tenero ringraziamento di un’amica o un dolce messaggio ricevuto dalla mamma. Troppo facile.

tumblr_npzoqvx1q91tabnyao1_500
Nel mio caso poi potrei citare quella volta quando, probabilmente abbagliato dal grosso fiocco del mio fantastico cerchietto alla Blair Waldorf, Kevin dei Backstreet Boys, guardandomi negli occhi, mi ha sussurrato: You’re adorable in un modo così profondo e intenso da rendermi, quasi per magia, la persona più adorabile del pianeta per mesi.

adorable-boys-cute-gif-favim-com-1064687
La verità, però, è che le cose che le cose che difficilmente dimentichiamo spesso sono quelle che ci fanno male; sono quelle che toccano corde sensibili della nostra anima facendole vibrare mentre una triste litania riempie la nostra mente. Sono quelle che ti porti dentro, nonostante gli anni che passano, nonostante la vita ti abbia più volte dimostrato che, per l’appunto, si trattava solo di stupide parole.

blablabla
Non avrei saputo scegliere un solo ricordo, in fin dei conti nessuno ha specificato che avrei dovuto essere sintetica nel rispondere ai vari punti; filtrando tutte le situazioni che si sono affollate nella mia mente ho scelto 3 circostanze totalmente diverse tra loro, 3 età totalmente diverse tra loro, 3 tipologie di me stessa totalmente diverse tra loro.
ipbjn5-1
• Ero decisamente troppo piccola per ricordare questo episodio, ma sin da quando ho memoria è uno di quei ricordi che riecheggia nella mia mente. Una piccola premessa è doverosa [potrei autodefinirmi la Signora delle Premesse], non avevo ancora compiuto un anno di vita che già ero costretta a portare gli occhiali; ai giorni nostri è, purtroppo, normale vedere un bambino indossarli ben diversa era la situazione 30 anni fa ormai.
Ero in spiaggia con mia madre, per fatti nostri oserei aggiungere come se fosse necessario, ma si sa alla gente piace parlare a vanvera ed è così che una signora a qualche ombrellone di distanza, indicandomi sfacciatamente con il dito, aveva ritenuto logico e corretto usarmi a modello di confronto per la figlia riluttante ad assumere cibo.
“Mangia o diventi come quella bambina lì!”
giphy4
Quelle parole le ho ascoltate e riascoltate nei ricordi di mia madre, nella sua rabbia nel aver avuto la forza di rispondere a quella mentecatta e nel dolore di vedere che il mondo avrebbe guardato la sua bambina come qualcosa di diverso.
30 anni ed un’operazione dopo, non mi è ancora passato il desiderio di scoprire come è diventata quella bambina che non voleva mangiare.
emma_stone_break-up_gif
• Avevo 16 anni, poco meno o poco più, ed ero stata mollata da poco da quello che poteva essere definito come il mio primo fidanzatino; ad essere onesta non ricordo molto bene come fosse andata la cosa: dopo mesi di corteggiamento avevo ceduto alle lusinghe di questo ragazzetto ma dopo neanche 30 giorni avevamo capito che come amici funzionavamo alla grande ma come coppia facevamo leggermente pena. Non ricordo di aver sofferto per tale separazione, se non la giusta finzione da teen drama necessaria a dare enfasi al momento e non mostrarmi diversa dalle mie ben più navigate amiche. Eppure, anche in questo caso, c’è chi ritiene di saperne più di te e sente il bisogno di fartelo sapere.
Era un sabato sera quando, mentre chiacchieravo per cavoli miei con le mie amiche, che mi si avvicina un nostro amico [che definizione estremamente errata per una persona così spregevole], il sorriso sul viso era quello di chi aveva qualcosa di succulento da raccontare. La cosa triste è che per lui era davvero così.
Ho visto il tuo ex, era con un’altra. Sicuramente la nuova fidanzata! Beh devo dire che lo capisco, alla vostra età [n.b.: lui aveva qualche anno in più] anche io se dovessi scegliere tra la bellezza e i soldi, sceglierei la bellezza.”
tenor1
Premesso che non sapevo di essere milionaria, ma con una sola frase quello che oggi mi sento di definire solo come un emerito imbecille mi aveva fatto crollare il mondo addosso facendomi sentire inadeguata e sbagliata, addossandomi colpe che non avevo e dandomi della cessa senza troppi giri di parole. O forse si.
Inutile raccontare di come, non molti anni dopo, il povero sfigato con la ragazza con i soldi [se mi dicesse dove sono gliene sarei grata] e poca bellezza ci sarebbe uscito e di come, con estrema classe e ancor più soddisfazione, la ragazza poco bella lo ha mandato a spigolare.
original
Ero prossima alla laurea, probabilmente era proprio la mia ultima correzione con quel professore che mi aveva fatto penare per due anni; stavamo lavorando alla presentazione Power Point che avrei esposto durante la discussione, modificandone per l’ennesima volta colori e spessori, quando nel silenzio dello studio era risuonata la sua domanda:
“Ti hanno mai detto che sei brava?”
Non capivo il senso della domanda posta in quel particolare momento e probabilmente l’espressione del mio viso malcelava i miei pensieri perchè, senza attendere alcuna replica, il Prof. aveva continuato dicendo:
“Non so se ti abbiamo mai detto: sei stata brava. Non so se i tuoi genitori lo abbiano mai fatto, ma ho la sensazione che tu stessa non lo abbia mai fatto. Non ti sei mai detta: sono stata brava. Sei troppo rigida con te stessa, il peggior giudice ti potesse mai capitare.”

tumblr_ml7c40v57q1rs4qpso1_500
So di aver detto che avrei citato solo tre momenti, ma mettendo nero su bianco queste mie parole mi è venuto in mente che non avrei mai potuto non citare le parole dell’uomo norvegese incontrato sul treno:
“Non devi aver paura di perdere nella vita, ogni volta che perdi qualcosa, in realtà, impari molto altro; impari che resti in piedi, nonostante tutto; impari che sei, comunque, più forte tutto. Le prime volte ci stai male, ma poi impari che alla fine tutto passa, che tu riesci a far passare tutto. Ci vuole tempo. Perdere aiuta a costruire la tua personalità, non farti spaventare dalle cose che non vanno come vorresti. Non aver paura di desiderare qualcosa, sai che, prima o poi, sei talmente testarda da ottenerlo.”
[Se vi va di leggere di questo lo trovate qui]
giphy5
Passano gli anni, ma le parole restano impriggionate nella mente; costanti promemoria di come possiamo apparire agli occhi della gente, di come sia facile perdersi in quegli stupidi giudizi, di come spesso, chi meno avremmo creduto, ha saputo guardare oltre quello che abbiamo mostrato.
7e024ec5968aed5dff8d2ea689ccc380
Anche oggi sono stata logorroica, me ne scuso.
Ma anche no.