Pensieri Sparsi

Addio 2019…e grazie!


Quando negli ultimi giorni dell’anno ormai concluso ti ritrovi a ripercorrere i mesi trascorsi con un velo di tenera malinconia, quasi sicuramente vuol dire che è stato un anno buono, uno di quelli da ricordare con il sorriso sulle labbra.
Difficilmente potrei affermare il contrario.

img_5600

Le premesse, in realtà, c’erano tutte: ho iniziato l’anno con già in tasca i biglietti della felicità sapendo che sarei stata dall’altra parte del mondo; ancor prima di mettere piede nel nuovo anno ero consapevole che, nonostante tutto, avrei avuto i miei attimi di gioia…ma non potevo immaginare quanto questo anno avesse in serbo per me.
In fin dei conti dopo aver passato la prima notte dell’anno a vomitare anche l’anima, davvero non riuscivo ad immaginare un risvolto negativo.
Cosa? Sarebbe stato più logico pensare se questo è l’inizio figuriamoci il resto?
Ma quando mai i miei pensieri seguono una logica comune?

18

Come ogni anno mi ritrovo con la voglia di analizzare ogni più piccolo avvenimento e il bisogno di non perdermi in post chilometrici che non leggerà mai nessuno, forse neanche io.
Puntualmente mi ritrovo a buttare un occhio sui resoconti degli anni passati (2015, 2016, 2017, 2018) per poi scoprire, quasi con stupore, quanto sia cambiata di anno in anno per poi restare sempre la stessa.

s-ce4444828f7dd92bcce24e8fbd46d76095430260

Il dono della sintesi non è mai stata una delle mie migliori qualità, e mai come questa volta me ne sto rendendo conto. Ripenso ai 365 giorni trascorsi e mi domando:
questa volta da dove inizio?

source

Potrei iniziare semplicemente da me…da quella mania di fotografare me stessa e tutto ciò che mi circonda che mi permette di arrivare a fine anno ed avere almeno una mia foto per ogni mese dell’anno e scoprire che ricordo con esattezza il momento in cui è stata scattata ogni singola foto, riconosco ogni sfumatura che si cela dietro ogni sorriso e percepisco esattamente i pensieri che accompagnavano la me di quel momento.

img_0186

Chiudo gli occhi e cerco di fare chiarezza, di cercare un ordine, una logica, per accompagnare voi, e me, in questo viaggio lungo 365 giorni alla scoperta di una me che a volte è stata travolta dagli eventi e a volte li ha governati.
Quante cose succedono in un anno? A volte decisamente troppe…ed è questo il motivo per cui ormai non riesco a fare a meno di questi resoconti annuali: non voglio perdermi neanche un pezzo di questo folle puzzle che è la mia vita.

tumblr_n02v8qk1m51s7ub96o1_400

Il 2019 è stato l’hanno in cui…forse ho trovato la giusta chiave di lettura di questo anno.

img_7059
Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho viaggiato!!!
E direi che ho viaggiato davvero tanto; adoro gli anni così.

Gennaio: Roma
Febbraio: —
Marzo: Roma – Madrid
Maggio: Milano
Giugno: Zurigo – Praga
Luglio: Albenga
Agosto:Los Angeles – Salento
Settembre: Cannes
Ottobre: —
Novembre: Londra
Dicembre: Dortmund – Monaco di Baviera

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho fatto pace con Nick Carter.
Il punto è che non abbiamo mai litigato davvero ma era esattamente dalla crociera del 2018 che vivevo con la convinzione che ormai mi odiasse profondamente (non osate litigare con la mia mente eh) ed è stato assolutamente liberatorio, per una volta, rendermi conto di essere in errore.
La sua espressione e la linguaccia che ha seguito il suo saluto sono stati il lasciapassare per un anno pieno di ricordi meravigliosi.

img_0118
È stato l’anno di Hello, Kitty…Hey…ma tu alla fine di dove sei?…italianoooo…è sempre un piacere vederti…devo raccontarti una cosa troppo divertente…il mio secondo nome è italiano…
È stato l’anno in cui ogni abbraccio è stato migliore di quello precedente, in cui il suo sorriso ha dato un senso a tanti giorni bui, in cui la prospettiva di vederlo mi ha dato la forza ogni qual volta pensavo di non volercela fare più.
L’anno in cui, ancora una volta, mi ha fatto sentire speciale, il puntino che cerca tra la folla…il sorriso che rende più splendente la mia vita.

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho realizzato qualcosa di grande.
Abbiamo realizzato qualcosa di grande!!!
Nonostante tutti gli impegni e la stanchezza, mi sono ritrovata incastrata in un progetto che troppe volte mi era sembrato più grande di me.
Sei mesi di duro lavoro, di telefonate e scleri, di ansie e litigate, di entusiasmo e speranza…un istante fatto di pura magia.
La consapevolezza di avercela fatta!!!

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho capito che probabilmente finalmente ho trovato la mia strada.
Avere un titolo dinanzi al proprio nome ma sentire che non ti rappresenta può far paura, decidere che quel titolo è solo un appellativo in più rispetto a quello che hai scelto (ti hanno indirizzato) di fare, non ha prezzo!
È questo il motivo per cui, ancora oggi, quando mi chiedono quale sia il mio lavoro non riesco a non affermare: Sono un architetto, ma in realtà mi occupo di marketing e comunicazione…che nel mio caso significa occuparmi anche di logistica, amministrazione, post vendita, service…insomma se c’è un problema sono quella che se ne occupa, o quanto meno ci prova.

52588586_10218340459893120_8518686586412466176_n

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho assistito al mio primo varo.
Quello ufficiale di un nuovo modello e mi sono emozionata. In cui ho organizzato i miei primi shooting fotografici e ho ricevuto i complimenti perché sembrava lo avessi sempre fatto e non si notava per niente che fosse la mia prima volta. In cui ho seguito il mio primo rebranding, il rifacimento di sito e brochure, i primi comunicati stampa seri.

engines

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho organizzato totalmente da sola il mio primo Salone Nautico…ho seguito la realizzazione dello stand…la conferenza stampa ed il catering.
L’anno del primo concorso nautico…del primo premio vinto e dell’emozione travolgente che ne è seguita.
L’anno in cui il tempo trascorso in fiera ha avuto un sapore diverso, fatto di alcol e serate al limite dell’assurdo, di salsedine e…tante risate.

img_0207

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho smesso di essere un robottino senza anima e ho sorriso senza un vero motivo (ok, il motivo era anche bello grosso direi). L’anno in cui sono tornata quindicenne e ho trovato chi assecondasse questa follia.

img_0228

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho capito che basta un vestito carino ed un sorriso in più per ricordare che sei una donna a chi forse non ti ha mai visto come tale. E che a te basta anche meno per capire che non è un uomo chi pensa si illude di poterti classificare come una tra le tante.

img_0226

Il 2019 è stato l’hanno in cui... sono andata ad un matrimonio a Los Angeles e c’era uno dei Backstreet Boys!
Si ok, chi se lo incula Aj…ma spiegatelo alla me 15enne che fissava sognante i poster alla parete che un giorno sarebbe finita ad un matrimonio con uno dei tizi dei poster.
Tanto non li incontrerai mai. [cit.]

a45593db-6ef2-401a-ad4d-037edfdf8af4

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho capito tanto di me stessa e di chi mi sta intorno.
Ho capito che, nonostante il mio carattere, piaccio alla gente, forse proprio per il mio carattere.
Ho capito che ho dato troppa fiducia alle persone sbagliate e troppa poca a chi poi mi ha stupito; ho capito che sono amabile, anche se adoro essere odiabile; che so mettermi in gioco e che, quando lo faccio, piaccio per davvero. Ho capito che c’è un mondo intero dentro di me che per troppo tempo ho tenuto sopito ma che quando schiudo la porta esce fuori un arcobaleno ricco di colori.

72872269_10220224417990895_4855820038365511680_n

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho smesso di aver paura dei silenzi.
Ho imparato ad ascoltare i miei pensieri senza volerli per forza addomesticare, ho imparato a provare a sentire un po’ di più quello che ho paura di provare perché a volte anche il dolore è necessario per rivedere il sole. Ho imparato a non aver bisogno di nessuno ma ad apprezzare la compagnia di chi vuole esserci davvero.

img_0225

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho realizzato che so stare da sola, ma quando si è in compagnia si sorride di più.
E ho imparato che non è da perdenti ammettere di provare malinconia, di avere delle mancanze…e a volte mi manca avere qualcuno accanto, quel qualcuno che ti fissa solo perché mi piaci…qualcuno che non voglio che tu abbia problemi…qualcuno con cui abbattere ogni difesa.

73054270_10220253813125755_4271574803866976256_o.jpg

Il 2019 è stato l’hanno in cui…ho realizzato che non tutti possono comprendere cosa stai passando e fargliene una colpa è sbagliato, ma nessuno ha scritto da alcuna parte che bisogna accontentarsi delle amicizie a metà; che chi non ti ascolta non ti merita, chi non capisce i tuoi silenzi non merita le tue parole, chi pretende la tua presenza ma non ti concede la sua probabilmente merita la tua assenza.

74460082_10220199468167165_6894161725491249152_o

Il 2019 è stato l’hanno in cui…senza accorgermene,  mi sono amata un poco in più!
In cui ho amato un poco in più.

67610472_10219497778905372_4691759894045392896_o.jpg

E dal 2020 cosa vorrei?
Non chiedo nulla, come sempre: sorprendimi!!!
Dimostrami che sono brava a sbagliare.
Ricordami che posso amare.
Insegnami che non devo smettere di sognare.

Pensieri Random di una 15enne · Pensieri Sparsi

You can call me: Hey!


Sono giorni che cerco tra i meandri della mia testa quale fosse quella canzone che parlava di giochi mai vinti che tanto avrei voluto usare come didascalia di alcune foto postate al ritorno da questo ennesimo folle viaggio. L’unica frase che mi torna in mente è quella della Pausini: sei un gioco che non vinco mai, sei il mio sbaglio più grande…non era la citazione che cercavo.
Probabilmente la ricorderò quando non ne avrò più bisogno o forse, molto più verosimilmente, non è mai esistita.

giphy-2

L’ennesimo giro di parole inutili per iniziare un post che di parole forse ne avrà un milione o due. Perché succede ogni volta così quando torno da un viaggio…soprattutto se in quel viaggio ci sei Tu.

insanity5

 

È passata una settimana, sembra già una vita fa.
Ormai è quasi scontato per me pensare di non avere più tempo per queste cose, non avere più la testa per questa leggerezza. E’ come se ogni volta temessi quasi di non avere più voglia di tornare quella 15enne che tanto mi sta simpatica.
È ormai scontato che mi bastano poche ore post partenza per smentire ogni paranoia precedente.

18-1

Anche questa volta è stato così, lo dimostra il fatto che io abbia preso il biglietto del treno che mi avrebbe portato a Roma, dove tutto avrebbe avuto inizio, solo il giorno prima della partenza; ancor di più, forse, lo dimostra il mio riscontrare silenziosamente in ogni piccolo intoppo un segnale che tutto sarebbe stato uno scatafascio.
Ho sbagliato strada per andare in stazione.
Non sono riuscita a prendere il treno prima perché c’è stato un incidente.
Ho aspettato un’ora in stazione e le patatine mi hanno disturbato lo stomaco.
Un tizio ha lasciato uno zaino a terra affermando si trattasse di una bomba.

tumblr_mckirafbmv1qk112bo1_500

Eppure questa volta non c’era l’ansia a farmi compagnia…e la cosa mi metteva un’ansia strana addosso.
Il pensiero che potesse finalmente essermi passata ha tormentato le ore trascorse in attesa che la magia avesse inizio; la sola idea che le farfalle nello stomaco fossero morte e che neanche più Tu riuscissi a farmi sentire viva mi terrorizzava.
Se fossi cresciuta pur non avendo mai chiesto di farlo?

tenor

Abbiamo sopportato la pioggia, mangiato cibo liquido, corso e sconfitto le vacche montagne ragazze tizie svizzere e conquistato la transenna; siamo sopravvissute alla puzzona che scorreggiava come se avesse appena ingerito un cadavere putrido, abbiamo atteso con ansia il momento in cui l’enorme schermo è sceso giù e le luci si sono spente…e poi finalmente loro…finalmente Tu.

giphy-6
Il non averti incontrato il pomeriggio aveva lasciato spazio nella mia mente per il più catastrofico dei pensieri: non sarebbe mai stato come le altre volte, non avevi idea che saremmo state li. Ed è stupido e patetico ma non riuscivo a non provare un senso di tristezza per questa inutile consapevolezza; non giudicatemi voi che mi state accompagnando in questo viaggio strano tra le emozioni di una quindicenne: un loro concerto è spettacolare perché la loro musica tocca le corde della mia anima ogni volta…ma è sempre Lui a renderlo unico toccando corde che neanche vi sto a raccontare.

lock

Adoro come riesci ogni volta a trovarmi tra la folla, come ridi, come la tua faccia assume espressioni che portano lontano i miei pensieri, come ormai abbia deciso di cambiare nome sulla carta d’identità per diventare la tua Hey.
Ma soprattutto adoro come io riesca ancora a stupirmi di tutto ciò.

Non ero sicura di essere pronta ad incontrarti davvero. Non lo sono mai. Mi hai sorriso, come sempre.Mi hai detto ciò che ormai mi dici sempre, ti ho rimproverato per la scarsa memoria, hai finto dispiacere, abbiamo sorriso…poco prima che Mike mi spostasse di peso perché ogni volta rompiamo il cazzo a qualcuno per quei pochi secondi rubati in più.

img_8919

Il party a Zurigo è stato un delirio, mi sentivo piccola e schiacciata da quelle montagne con le gambe. Ancora una volta hai sorriso vedendomi ancora li (prima o poi dovrai pagarmi la pensione, amico bello), la tua mano ha cercato la mia proprio subito dopo che avevo appena dato una botta alla demente che continuava a poggiarmi il braccio sulla testa, hai sorriso probabilmente per la scenetta appena vista e l’hai stretta forte fissandomi negli occhi.
Ed io sono diventata brava a non piangere ogni volta che vorrei farlo, sto migliorando.

E’ quando la stanchezza inizia a farsi sentire per davvero che inizi a percepire che i ventanni sono ormai un ricordo e che, nonostante lo spirito sia in piena adolescenza, il corpo non è più lo stesso. Sia chiaro, non credo che né io né le mie amiche siamo propriamente delle vecchie decrepite, ma davvero non riesco a ricordare di essermi sentita così stanca come quando finalmente ho poggiato la testa sul cuscino nel nostro monolocale di Zurigo.
Inutile dire che non ci fosse tempo per riposare: nuovo giorno, nuova corsa, nuovo aereo da prendere, nuova città da raggiungere, nuove emozioni da cui farsi travolgere.

103c7ced-dd7e-4a8e-b109-a46f2387b3d7

Credo che nessuna di noi avesse ragionato molto quando abbiamo scelto la compagnia che ci avrebbe portato a Praga, non mi spiego altrimenti il nostro stupore quando abbiamo realizzato che avremmo volato con una compagnia cinese e che quello con Cinciulin sarebbe potuto essere il nostro ultimo viaggio in tutti i sensi.
Il ritrovarsi il gruppo di supporto seduto nei seggiolini avanti ed averli usati per farci sistemare la valigie ha sicuramente tranquillizzato i nostri animi inquieti (sicuramente lo scoprire che fosse un aereo da tratta intercontinentale ha funzionato di più)…ma le hostess con il grembiule da Panda hanno vinto assolutamente su tutto.

tumblr_l94tnjr7eb1qc4lks

Se Zurigo era stato un assaggio di come fosse tornare ragazzina, Praga è stata la portata principale; perché la verità è che quando siamo tutte insieme peggioriamo fantasticamente e la nostra età mentale cala vertiginosamente. Credo sia questo il motivo per cui prima di andare al palazzetto, ma subito dopo aver mangiato, ci siamo ritrovate a scivolare su un bob in mezzo alla natura urlando peggio delle bambine.
Si, avrei dovuto dire come delle vere e proprie deficienti…e ci amo per questo.

Scontrarsi con il Backstreet’s Time non è mai piacevole, dire ad che tu il suo lavoro lo fai meglio però non ha prezzo; sbattertene i coglioni delle sue direttive ed organizzare una rivolta per prendere quello che è tuo di diritto è pura poesia.
La velocità del momento è sempre qualcosa di disarmante e a sto giro vuoi la stanchezza, vuoi il preciclo, vuoi che ormai sto diventando una vecchia bisbetica, vuoi che avevo voglia di scamazzarlo già il giorno prima ma Mike che mi si è avvicinato per invitarmi a muovermi a fare la foto mi ha proprio urtato il sistema nervoso e ringrazierò sempre il mio pessimo carattere per la dolce reazione avuta.

giphy-5

Mi hai assecondata, come sempre. Hai seguito le direttive ricevute personalizzandole a modo tuo…come sempre, l’ho già detto? Mi hai stretto come se fossi un bambino che stesse soffocando e tu ti stessi impegnando nell’effettuare la Manovra di Heimlich.
Il mondo si è fermato, come sempre.

eba84fef-4ad3-41a9-ab59-d515e6fa8d89

Il concerto è stato pazzesco, Tu sei stato pazzesco.
E non so per quale stupida ragione ti diverti a giocare con me, ma ho smesso di pormi domande e ho iniziato a godermi il momento. Per un solo istante i tuoi occhi si intrecciano con i miei e mi regali il Paradiso.
E poco importa se sembro patetica, se quando ti guardo ho la faccia da ebete e gli occhi a cuoricino; se mi dedichi attenzioni perché sono una povera cogliona che ti regala soldi o che magari ridi alle mie spalle quando vedi l’emozione colorare il mio viso. Poco importa se è solo un istante che durerà per sempre, se mi sento sempre un po’ più persa nelle mie emozioni, se mi isoli e mi isolo per paura di esternare cosa penso davvero, se mi sento sola quando invece vorrei piangere ed urlare, se vorrei parlare per ore di ogni tuo gesto e finisco per minimizzare perché sono la prima a sentirsi cogliona. Poco importa quello che mi circonda, se per un solo istante il mondo si ferma e ci sei solo Tu.

img_3250 Non so neanche io perché ho dato tutta questa libertà ai miei pensieri questa volta, sarà che esattamente 20 anni fa assistevo al mio primo concerto, sarà che sono passati 20 anni esatti dal mio primo questo sarà l’ultimo perché poi si sciolgono, sarà che so che ci saranno altre lacrime e altri abbracci pensando che davvero sarà l’ultimo prima o poi.

tenor-2

20 anni fa ero un puntino tra la folla…adesso sono il puntino che cerchi tra la folla.

Pensieri Sparsi

…107/365


Ogni tanto torno a tediarvi con le foto!

𝟻𝟶/𝟹𝟼𝟻

𝚂𝚞𝚙𝚎𝚛𝚖𝚘𝚘𝚗

𝟻𝟸/𝟹𝟼𝟻

𝙸𝚕 𝚖𝚒𝚘 𝚐𝚊𝚝𝚝𝚘 𝚗𝚘𝚗 𝚙𝚘𝚝𝚎𝚟𝚊 𝚗𝚘𝚗 𝚎𝚜𝚜𝚎𝚛𝚎 𝚕𝚒𝚝𝚒𝚐𝚒𝚘𝚜𝚘.

𝟼𝟶/𝟹𝟼𝟻

𝙲𝚕𝚘𝚜𝚎 𝚢𝚘𝚞𝚛 𝚎𝚢𝚎𝚜 𝚊𝚗𝚍 𝚖𝚊𝚔𝚎 𝚊 𝚠𝚒𝚜𝚑.

𝙷𝚘 𝚌𝚘𝚖𝚙𝚒𝚞𝚝𝚘 𝚐𝚕𝚒 𝚊𝚗𝚗𝚒 𝚖𝚊 𝚗𝚘𝚗 𝚜𝚘𝚗𝚘 𝚍’𝚊𝚌𝚌𝚘𝚛𝚍𝚘, 𝚚𝚞𝚎𝚜𝚝𝚘 𝚗𝚞𝚖𝚎𝚛𝚘 𝚗𝚘𝚗 𝚖𝚒 𝚛𝚊𝚙𝚙𝚛𝚎𝚜𝚎𝚗𝚝𝚊.

𝟻𝟻/𝟹𝟼𝟻

𝙵𝚘𝚛𝚜𝚎 𝚊𝚕𝚕𝚊 𝚏𝚒𝚗𝚎 𝚖𝚒 𝚊𝚖𝚘 𝚜𝚘𝚕𝚘 𝚞𝚗 𝚙𝚘’ 𝚍𝚒 𝚙𝚒𝚞̀!

𝟻𝟾/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊 𝚍𝚎𝚕𝚕𝚎 𝟿 𝚟𝚒𝚝𝚎, 𝚚𝚞𝚊𝚗𝚝𝚎 𝚐𝚕𝚒𝚎𝚗𝚎 𝚜𝚊𝚛𝚊𝚗𝚗𝚘 𝚛𝚒𝚖𝚊𝚜𝚝𝚎?

𝟼𝟺/𝟹𝟼𝟻

𝙲𝚑𝚒 𝚝𝚒 𝚌𝚘𝚗𝚘𝚜𝚌𝚎 𝚝𝚒 𝚛𝚎𝚐𝚊𝚕𝚊 𝚞𝚗𝚒𝚌𝚘𝚛𝚗𝚒, 𝚏𝚎𝚗𝚒𝚌𝚘𝚝𝚝𝚎𝚛𝚒 𝚛𝚘𝚜𝚊, 𝚣𝚞𝚌𝚌𝚑𝚎𝚛𝚘 𝚏𝚒𝚕𝚊𝚝𝚘 𝚎…𝚒𝚕 𝚔𝚒𝚝 𝚍𝚊 𝚙𝚎𝚛𝚏𝚎𝚝𝚝𝚊 𝙱𝚕𝚊𝚒𝚛!

𝟼𝟿/𝟹𝟼𝟻

𝙲𝚛𝚎𝚊 𝚒𝚕 𝚝𝚞𝚘 𝚙𝚊𝚗𝚌𝚊𝚔𝚎…

𝙲’𝚎̀ 𝚋𝚒𝚜𝚘𝚐𝚗𝚘 𝚍𝚒 𝚍𝚘𝚕𝚌𝚎𝚣𝚣𝚊 𝚗𝚎𝚕𝚕𝚊 𝚟𝚒𝚝𝚊.

𝙱𝚊𝚜𝚝𝚊 𝚙𝚘𝚌𝚘.

𝟽𝟷/𝟹𝟼𝟻

𝚃𝚘𝚛𝚗𝚊𝚛𝚎 𝚍𝚘𝚙𝚘 𝚍𝚒𝚎𝚌𝚒 𝚐𝚒𝚘𝚛𝚗𝚒 𝚒𝚗 𝚙𝚊𝚕𝚎𝚜𝚝𝚛𝚊 𝚎 𝚏𝚒𝚗𝚒𝚛𝚎 𝚒𝚗 𝚙𝚒𝚣𝚣𝚎𝚛𝚒𝚊 𝚜𝚞𝚋𝚒𝚝𝚘 𝚍𝚘𝚙𝚘.

𝙼𝚒 𝚜𝚎𝚖𝚋𝚛𝚊 𝚐𝚒𝚞𝚜𝚝𝚘.

• 𝙻𝚊 𝚏𝚘𝚛𝚖𝚊 𝚝𝚘𝚗𝚍𝚊 𝚎̀ 𝚙𝚞𝚛 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚛𝚎 𝚞𝚗𝚊 𝚏𝚘𝚛𝚖𝚊 •

𝟽𝟻/𝟹𝟼𝟻

𝚆𝚑𝚘𝚎𝚟𝚎𝚛 𝚜𝚊𝚒𝚍 𝚖𝚘𝚗𝚎𝚢 𝚌𝚊𝚗’𝚝 𝚋𝚞𝚢 𝚑𝚊𝚙𝚙𝚒𝚗𝚎𝚜𝚜 𝚜𝚒𝚖𝚙𝚕𝚢 𝚍𝚒𝚍𝚗’𝚝 𝚔𝚗𝚘𝚠 𝚠𝚑𝚎𝚛𝚎 𝚝𝚘 𝚐𝚘 𝚜𝚑𝚘𝚙𝚙𝚒𝚗𝚐.

𝙳𝚘𝚙𝚘 𝚞𝚗𝚊 𝚜𝚎𝚝𝚝𝚒𝚖𝚊𝚗𝚊 𝚌𝚘𝚖𝚙𝚕𝚒𝚌𝚊𝚝𝚊, 𝚗𝚘𝚗 𝚎𝚜𝚒𝚜𝚝𝚎 𝚊𝚕𝚌𝚞𝚗𝚊 𝚝𝚎𝚛𝚊𝚙𝚒𝚊 𝚖𝚒𝚐𝚕𝚒𝚘𝚛𝚎 𝚍𝚎𝚕𝚕𝚘 𝚜𝚑𝚘𝚙𝚙𝚒𝚗𝚐!!!

𝟽𝟼/𝟹𝟼𝟻

𝚆𝚘𝚛𝚔…𝚊𝚏𝚝𝚎𝚛 𝚠𝚘𝚛𝚔!?!

𝟽𝟽/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊 𝚟𝚘𝚒 𝚌𝚎 𝚕𝚎 𝚊𝚟𝚎𝚝𝚎 𝚕𝚎 𝚊𝚖𝚒𝚌𝚑𝚎 𝚌𝚑𝚎 𝚊𝚜𝚜𝚎𝚌𝚘𝚗𝚍𝚊𝚗𝚘 𝚕𝚊 𝚟𝚘𝚜𝚝𝚛𝚊 𝚙𝚊𝚣𝚣𝚒𝚊?

*𝚈𝚘𝚞 𝚔𝚗𝚘𝚠 𝚢𝚘𝚞 𝚕𝚘𝚟𝚎 𝚖𝚎. 𝚇𝙾𝚇𝙾, 𝙶𝚘𝚜𝚜𝚒𝚙 𝚐𝚒𝚛𝚕*

𝟾𝟸/𝟹𝟼𝟻

𝚁𝚘𝚖𝚎

𝟾𝟹/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊 𝚌𝚘𝚖𝚎 𝚕𝚘 𝚜𝚙𝚒𝚎𝚐𝚑𝚒 𝚒𝚕 𝚖𝚊𝚛𝚎 𝚊 𝚌𝚑𝚒 𝚟𝚎𝚍𝚎 𝚜𝚘𝚕𝚘 𝚊𝚌𝚚𝚞𝚊?

𝟪𝟧/𝟥𝟨𝟧

𝟧𝟢.

𝟾𝟾/𝟹𝟼𝟻

𝚂𝚒 𝚙𝚊𝚛𝚝𝚎 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚛𝚎 𝚍𝚊 𝚣𝚎𝚛𝚘.

𝟾𝟿/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊𝚍𝚛𝚒𝚍

𝟿𝟶/𝟹𝟼𝟻

𝙱𝚊𝚌𝚔 𝚑𝚘𝚖𝚎!!!

𝟿𝟹/𝟹𝟼𝟻

𝙴̀ 𝚜𝚘𝚕𝚘 𝚖𝚎𝚛𝚌𝚘𝚕𝚎𝚍𝚒̀!

94/365

Coᥴᥴoᥣᥱ

𝟷𝟶𝟺/𝟹𝟼𝟻

𝚂𝚘 𝚝𝚒𝚙𝚒𝚌𝚊𝚕𝚕𝚢 𝚖𝚎.

𝟷𝟶𝟽/𝟹𝟼𝟻

𝙸 𝚛𝚎𝚐𝚊𝚕𝚒 𝚒𝚗𝚊𝚜𝚙𝚎𝚝𝚝𝚊𝚝𝚒 𝚜𝚘𝚗𝚘 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚛𝚎 𝚒 𝚙𝚒𝚞̀ 𝚐𝚛𝚊𝚍𝚒𝚝𝚒.

Se siete arrivati fino a questo punto, dovete quanto meno lasciare un commento 💕

Pensieri Random di una 15enne · Pensieri Sparsi · Weird World ❤

You think you know, but you have no idea. 2.0


You think you know, but you have no idea.
Sono anni che questa frase risuona nella mia testa ogni qual volta i miei pensieri si soffermano su quella parte della mia vita che ormai mi caratterizza da quando ero poco più che una bambina, quell’aspetto che mi rende così diversa da troppe mie coetanee da farmi sentire spesse volte a disagio con me stessa e con gli altri a mano a mano che gli anni passano e le prospettive di vita inesorabilmente cambiano.

tumblr_mnp0446s771rijbg1o1_500

Prima di lasciare che le emozioni prendano possesso delle mie dita, prima di lasciar defluire quel fiume in piena di sensazioni che da quando ho rimesso piede in Italia cerco di arginare, prima di dimenticarmi totalmente di aver superato i trent’anni e lasciare che sia semplicemente ciò che sta facendo esplodere il mio cuore a parlare al posto mio, è doverosa una breve ma necessaria premessa.

tumblr_inline_nrl2sikznd1qimtha_250

Nonostante tutte le promesse fatte a me stessa nel corso degli ultimi anni, nonostante il percorso fatto negli ultimi mesi e il costante lavorare su me stessa e sulla gestione delle mie ansie, tutto posso affermare tranne di aver governato in modo corretto tutta la fase di preparazione alla partenza. Lo so, ogni volta è sempre la stessa storia (e la prossima volta sarà anche peggio) eppure nonostante io abbia la consapevolezza che ciò che ti rende felice non può essere poi così sbagliato, la mia difficoltà nel vivere con leggerezza certi aspetti della mia vita resta un qualcosa di assolutamente enorme.
Enorme ma non insormontabile.
Me lo ripeto ogni qual volta decido di andare contro tutti quei pensieri fottutamente razionali che incasinano la mia mente quando devo effettuare l’ennesima prenotazione, contro tutte le ansie che fanno battere fin troppo forte il mio cuore togliendomi il respiro fino a farmi male, contro quella parte di me stessa che ha così paura di essere felice da rischiare ogni volta di restare paralizzata in quella nuvola nera che fin troppo spesso mi avvolge.

tumblr_m7nz43jysr1rc6o2fo1_500

Vorrei davvero poter dire che questo anno trascorso dal momento in cui ho deciso di perdermi nuovamente per 4 lunghi giorni su una nave da crociera sia stato una passeggiata di salute, che il pensiero felice di quanto mi aspettasse sia stato il faro nelle mie notti buie. Chi ben mi conosce sa che non è stato così, che il solo pensiero di dover partire mi terrorizzava fino alle lacrime, che non mi sentivo nel giusto mood e non volevo rovinare tutti i ricordi belli costruiti fino ad allora.
Può un pensiero così felice essere così terrificante? Vi basterebbe fare un giro nella mia testa per potervi dare una risposta.

bree3

Eppure nonostante tutto, nonostante me stessa, alla vigilia della partenza, dopo aver trascorso due settimane infernali a lavoro, mentre ero seduta da sola in un ristorantino di Roma a sorseggiare vino aspettando la cena ho deciso che sarebbe andato tutto bene. Ho deciso che io sarei stata bene. In quel preciso istante ho svuotato la mia valigia di tutte le ansie e di tutte le paure che mi avevano schiacciato nei mesi precedenti, questa volta sarei partita più leggera. E così è stato.

tumblr_lnpv9vdmbh1qd5e41o1_500

Abbracciare le mie amiche in aeroporto mi ha dato la certezza che non stavo sognando ed 11 ore dopo i miei piedi avrebbero toccato nuovamente il suolo americano! Ero emozionata ed agitata, così tanto da inzuppare i miei jeans, e quelli del povero ometto seduto accanto a me, di vino. A mia difesa posso tranquillamente che sia stata colpa anche delle turbolenze eh.

IMG_4710Il sole caldo di Miami e il dolce sapore di Moijto ben hanno accolto la nostra voglia di staccare la spina prima che il delirio, quello vero, iniziasse. Abbiamo deciso di mettere ancora una volta da parte l’agitazione e goderci al meglio la vacanza e, credetemi, adoro il modo in cui ci siamo riuscite. Ho adorato ogni singolo istante di ogni singolo giorno vissuto in Florida: lo shopping sfrenato al Dolphin Mall, il barcaiolo di cui mi sono innamorata a Bayside, i capelli fuxia della signora mentre sorseggiavamo l’ennesimo drink della giornata prima del giro in barca, il giro in bus con il vento tra i capelli e l’odore di mare che inebriava i nostri sensi.

IMG_4842.JPG

Ho amato il giro sull’airboat all’Everglades nonostante l’acqua paludosa che ci ha schizzato un po’ ovunque facendoci temere di aver contratto la qualunque, l’aver preso in braccio un coccodrillo ed un serpente, il mio amico Emu che voleva beccare la mia mano per fregarmi i semini, il viaggio in auto fino a Key West cantando le canzoni di Cristina D’Avena mentre attraversavamo il lungo ponte in mezzo all’oceano.

IMG_5009.jpg

Ho amato Nick il receptionist e lo champagne che ci ha regalato perché Elena si sposa, il tramonto con lo sguardo sognante verso l’oceano, quella serenità che ha disteso i miei muscoli e riscaldato i miei sensi donando nuovi colori alla mia essenza più profonda, i galli per strada e i gatti di Hemingway, il vento tra i capelli e la sabbia tra le dita dei piedi, la musica che accompagnava ogni nostro movimento.

IMG_5294.JPG

Ho amato scoprirmi in grado di poter guidare in America nonostante le mie paure, il tempo che si è oscurato appena un certo qualcuno ha twittato di essere arrivato a Miami, la cena in costume per un fottuto contrattempo [sta roba della sfiga ci avrebbe anche un po’ stancato eh], i cocktail giganti sulla Ocean’s Drive contando le ore dal momento che probabilmente aspettavo da quando ho messo piede sull’aereo.

IMG_5591

Credo sia stato quando eravamo a pranzo, dopo essere state rimproverate dal Signor Mitch Buchannon perché stavamo giocando con le sue cose di salvataggio alla torretta, che abbiamo capito che avremmo potuto continuare a nasconderlo quanto volessimo ma il panico ormai la stava iniziando a fare da padrone tra noi e che la cosa migliore da fare sarebbe stata iniziare a prepararci per la serata.
Ma come diavolo ci si prepara per una serata per cui non si è preparati?
Che fossimo in panico l’ho già accennato, quanto lo fossimo lo lascio alla vostra immaginazione.

IMG_5679.JPG

E’ che semplicemente vorrei capire perché quando mi aspetta qualcosa di importante il mio corpo decide che è il momento di riempirsi di strane macchie, lividi di varie forme e nature, brufoli orripilanti, capelli di merda, borse agli occhi che potrebbero essere inserite nella nuova collezione di Micheal Kors…e di tutti quei difetti vari ed eventuali che non fanno altro che aumentare panico ed insicurezze.
Per una sola volta, non chiedo così tanto eh, non potrei guardarmi allo specchio e vedere una strafiga stratosferica pronta ad affrontare la serata?
Anche quella sera il riflesso allo specchio rimandava semplicemente il mio viso, sfatto ed emozionato; una ragazzina impaurita con gli occhi lucidi ed il cuore in gola.

9ee76e31-f681-4ac8-9e32-4a579d49cd03

È da qui che davvero la parte razionale che ancora dava un senso alle mie parole fino ad ora è stata mandata in vacanza; siete ancora liberi di salvarvi da questo delirio adolescenziale che sta per inondare questo spazio, liberi di continuare a leggere questo blog senza pregiudizio alcuno sulla mia persona. Giuro che non mi offendo se decidete di scappare. Forse anche io lo farei.

original

Chiudo gli occhi, penso a te e sento il cuore battere più forte.
Sapevo che sarebbe stato difficile parlarne questa volta, non immaginavo di certo di sentire le dita formicolarmi al solo pensiero di scrivere di te.

img_0259

E’ complicato descrivere una serata speciale senza rischiare di essere noiosi e ridondanti; è difficile non risultare mielose e sdolcinate quando l’unica parola degna di essere usata resta sempre e soltanto una: Perfetto.
Il party all’Hard Rock di Miami è stato a dir poco perfetto.
Lui era perfetto. Noi eravamo perfette, a modo nostro.
Le nostre coroncine di fiori erano perfette.
Per terminare la celebrazione dell’addio al nubilato di Elena, quella sera, serviva solo la foto perfetta e Nick non poteva farci regalo migliore.

original.-yvSEFH37e87RP4AlzhsqFDN5MrzxhFWSu-Cs4HsxvA

Io sarò di parte, ormai credo che lo sappiano anche i muri, ma come diavolo si fa a non considerarlo un amore di essere umano? Come si fa a non sciogliersi nella dolcezza di un suo abbraccio? A non morire quando la sua voce ti sussurra all’orecchio? A non lasciarsi travolgere dalla sua follia e ritrovarsi a ridere felici senza ricordare nemmeno il perché?

32418020_10216123930521271_6361511495032897536_n

Per una sera mi hai reso una principessa. La principessa di Robin Hood. [e chi osa contraddirti?]
Per pochi istanti lo sei stato anche tu.
Ed il mondo ha ripreso a girare per il verso giusto.

980x

Descrivere l’esatto momento in cui i nostri piedi hanno toccato l’ingresso della nave è quasi imbarazzante: sei felice, eccitata, impaurita ed estremamente agitata. Non sono pronta. Te lo ripeti fino alla nausea mentre lo stomaco si contorce per l’emozione. Non sai come sarà la tua cabina, che tipologia di mare troverai, con che esemplari di esseri umani ti scontrerai a questo giro…di che umore saranno loro.
Perché inutile girarci intorno: in questi 4 giorni sono loro 5 il centro di tutto il mondo tuo e delle tue amiche. Non è una cosa surreale?

r8mplvt

 Lo so, ci sto girando intorno dall’inizio di questo post e ancora non vi ho fatto salire con me su quella nave. Ho riletto il post che avevo scritto due anni fa nella speranza di aiutarmi a non sembrare troppo idiota, mi sono accorta che ancora una volta è tutto così diverso che è impossibile fare una comparazione.
Avete presente le montagne russe?
Sai cosa ti aspetta quando ti metti in fila per salire sul trenino, scegli il posto migliore per sentire al meglio l’adrenalina e ti lasci avvolgere dalle imbracature di sicurezza. Nel preciso istante in cui il trenino inizia a muoverti si insinua nella tua testa un solo pensiero: ormai non posso più scendere, cosa diavolo mi ha detto il cervello? Lentamente arrivi al punto più alto, quello da cui non avrai più tempo di pensare e il cuore ti finisce in gola. Non sono pronto. Te lo ripeti come fosse un mantra. È una frazione di secondo ed inesorabilmente inizia la discesa e tutte le paure che ti avevano annebbiato il cervello di colpo spariscono e sei pronto per fare un secondo giro. È così ogni volta per me.

giphy

È stata una folle corsa, iniziata sin dalle prime ore che abbiamo preso possesso della nave. Uno stupido nascondino che ci ha regalato il premio più bello di tutti: la prima foto con il ciacione del mio cuore. E poco importa se per poco non faceva cadere il mio IPhone X a terra per sfilarmelo da mano ed essere lui a scattare il nostro selfie, se per ogni foto mi sbilancia rischiando di farmi inciampare. Un abbraccio veloce, il mondo potrebbe anche finire in quel preciso istante e tutto andrebbe bene.

IMG_5846

Dovrei raccontarvi dei noiosi giochi stile villaggio turistico che si ostinano a fare, delle nuove canzoni che ci hanno fatto ascoltare, dello spumante con cui Nick mi ha praticamente fatto la doccia nel tentativo di farmi semplicemente bere, della meraviglia del vederli cantare le canzoni che hanno accompagnato la mia vita, delle corse lungo le scale cercando di mantenere un contegno ogni qual volta i suoi occhi si scontravano con le nostre figure ansimanti, delle corse a perdi fiato che mi hanno fatto ringraziare i giorni passati in palestra, delle attese semplicemente per vederli passare.

IMG_3150

Dovrei raccontarvi di ogni singolo istante in cui ho assaporato la felicità, quella vera.
Dei balletti del granchietto fatti con le amiche lungo i corridoi di quella nave che era diventata un po’ casa nostra, dei profumi vaginali e dei riti scaramantici, di quei cinque battuti ad ogni piccola conquista. Degli abbracci silenziosi pregni di significato e dolcezza con quelle amiche che sono diventate ancora più essenziali istante dopo istante.

a2141837-17f3-4cc2-b0bf-331e21d456c9

Di un Kevin che sembrava spuntare da ogni dove, apparire esattamente come Gesù Cristo e distribuire la sua parolae la sua immagine al popolo con quel fare calmo e serafico nettamente in contrasto con tutto ciò che stava accadendo intorno. Della porta dell’ascensore chiusagli in faccia perché semplicemente di trovarcelo tra i piedi non ne potevamo più, delle confessioni dell’ultima serata/mattinata. Di un Keith che tra il rassegnato e il divertito scuote la testa ogni qual volta uno dei nostri volti intercetta un suo sguardo, per poi salutarti con un lungo abbraccio quando tutto ormai è quasi finito ed è arrivato il tempo di dirsi Ciao.

IMG_4737

 Di un Howie costantemente ubriaco e pronto a fare la pipì [sia benedetta la sua Santa pipì], della sua disponibilità e della nostra capacità di considerarlo tutto tranne che un Backstreet Boys.

IMG_6866

 Di un Brian sempre troppo Brian, con una voce messa sempre peggio e delle braccia che ti fanno dimenticare la sua afonia, anche nel cercare solo di parlare. Di sua moglie, sempre più di plastica, che lo tirava via con aria annoiata quando scattava l’ora di andare in camera e dare sfogo alle sue pulsioni sessuali. Della foto negata e del karma che lo ha punito sotto forma di palo in faccia appena 3 passi dopo.

IMG_6460

 Di un Alex entusiasta della nuova musica che forse questa volta ce la farà a prendere vita. Oddio davvero ho così poco da dire su di lui? 

IMG_3674

Degli outfit delle 4 serate, del tornare bambina e vestirsi da Sailor Moon o dell’indossare una divisa scolastica e sentirmi finalmente di nuovo un pochino Blair Waldorf, dell’essermi innamorata di un nerd ciacione e disagiato, del vederli indossare nuovamente gliabiti di quando mi hanno rapito il cuore, della loro trasformazione in Spice Girls e la presa di coscienza che passano gli anni ma resto innamorata di 5 perfetti idioti. Ed è la cosa che continuo ad amare di più.

IMG_2028

 Dovrei raccontarvi delle splendide amiche con cui ho condiviso questa esperienza; della giornata alcolica passata a Nassau, della pazza psicopatica che voleva pestarmi dopo che si stava portando via la mia Micheal Kors con il suo enorme culone da vacca, della ragazza spagnola che ci ha aiutato sconvolta di cotanta pazzia, della mamma strafiga che ci ha fatto desiderare di divenire come lei alla sua età. Della sorpresa di aver trovato fans italiane carine su quella nave, in netto contrasto con le solite cagne arrapate che hanno inquinato l’aria con la loro puzza di randagie.

9267922f-3d36-4f0a-b95f-1aee33417a3d 2

E lo so che dovrei raccontarvi di lui.
Mi si stringe il cuore al solo pensiero. Mi ero ripromessa di non utilizzare parole come coccoloso, morbidoso, cuccioloso ma non immaginavo potesse essere così complicato.
Come si fa a descrivere l’amore? Non credo di esserne capace.

IMG_6707

Chiudo gli occhi e penso a questa crociera passata, il suo sorriso si fa largo tra i miei pensiero. La mia crociera è stato lui. Lo è stato dal primo istante, dal momento in cui mi ha dato il primo abbraccio, in ogni mano sfiorata, in ogni linguaccia e ogni espressione strana, in ogni complimento e ogni giochino assurdo con cui hai sconvolto i miei pensieri in quei 4 giorni.

IMG_680p5

Mi hai addomesticato, o forse io ho addomesticato te (come mi ha fatto notare qualcuno).
Sono passata dal non riuscire a non trattarti male a dovermi trattenere nelle dimostrazioni di dolcezza.
Io dolce? Hai capito cosa diavolo sei riuscito a fare?
Tu tenero? Il mondo è ormai alla fine dei suoi giorni.

IMG_2590 Tutti le emozioni che hanno pervaso la mia essenza sono già teneri ricordi. Sorrido ripensando alla dolcezza dei tuoi ultimi abbracci e al mio timore nel non riuscire a salutarti. Ancora una volta hai capito di cosa avessi bisogno. Ti sei divertito spruzzandomi con la vodka e inzuppandomi tutta la maglietta, hai riso come un cretino e poi mi hai abbracciato. Mi sono sentita schiacciata e felice, piccola e indifesa. Non ho mai desiderato così tanto che il mondo potesse finire in quell’istante. Una foto terribile: io sembro un koala e tu un ciccione. Mi hai abbracciato di nuovo e io non mi sarei mai più staccata. Hai sorriso e hai iniziato a farmi facce stupide [no, Carter, quelle non erano facce sensuali].
Hai reso tutto speciale, fino all’ultimo istante.

IMG_6823.JPG

Scrivo. Cancello. Riscrivo. Cancello.
Mi ritornano in mente le parole dell’oroscopo di Paolo Fox lette la sera prima di salire su quella nave, quel brivido che mi è corso lungo la schiena alla folle consapevolezza che non si sarebbe sbagliato neanche questa volta. Un insano pensiero che ancora adesso mi fa sorridere, come se la ragione avesse abbandonato del tutto il mio corpo lasciandomi in balia delle mie sensazioni. Come una magia che ti rapisce e ti proietta in un mondo in cui la realtà supera la fantasia.
Bisogna stare attenti a cosa si desidera, potrebbe avverarsi…e potresti non essere davvero pronto ad affrontarlo.

giphy1

Passi la vita ad immaginare cose, a costruire attimi e momenti perfetti, a scrivere sceneggiature mentali che farebbero incetta di premi e poi… no, no…e no!
Il respiro ti manca davvero, le parole non escono dalla tua bocca e l’ansia ti paralizza facendoti desiderare di scappare.
E’ un solo istante. Tutto quello che hai sempre voluto, tutto quello che ti fa più paura.
Tutto o niente.
Ricordi l’immagine che avevi riflessa allo specchio e ti domandi come diavolo sia possibile. Prendi fiato e abbracci le tue amiche, respiri a fondo e cerchi di dominare il panico, allontani i pensieri e semplicemente speri che…a dir la verità cosa speri non lo sai neanche tu.

Elena_so_cute-2Sono arrivata alla fine di questo post chilometrico, mi viene difficile pensare che qualcuno possa essere davvero arrivato alla fine. Ho le lacrime agli occhi ed un peso sullo stomaco. Mi manca già tutto di quei giorni, mi mancano le mie amiche, mi mancano quei 5 idioti, mi manca la spensieratezza con cui ho vissuto lontana da tutto e da tutti.

IMG_6930 Nessun particolare ringraziamento conclusivo, rileggo le parole già scritte e mi rendo conto che ogni singola sillaba sia stata un immenso grazie a chi ha reso speciale questa vacanza sopra le righe.
Nessuno potrà mai capire cosa abbiamo vissuto su quella nave, nessuno potrà mai capire cosa spinge delle persone adulte a tornare quindicenni, nessuno potrà mai capire l’amore incondizionato per quei 5 uomini che hanno preso la mia vita in mano quando ero poco più di una bambina e l’hanno trasformata in quello che è adesso.
Nessuno potrà mai capire…ed è la cosa che amo di più di tutta questa storia.
IMG_4292

Si scrive fan, si legge amore.

 

 

Pensieri Sparsi

Ciao ciao, 2015!


Quando un anno praticamente perfetto sta volgendo al termine e le premesse per quello che deve arrivare sono tutt’altro che  rosee è davvero difficile trovare qualcosa per cui festeggiare la notte di Capodanno; il 2014 era stato un anno talmente carico di emozioni e piacevoli avvenimenti che lo scorrere lento delle ultime ore della sua ultima giornata le ho trascorse ripetendo come una litania la stessa frase: non voglio che finisca!
Le mie speranze per questo 2015 ormai giunto al termine erano praticamente nulle: avrei compiuto 30 anni, non sarebbe stato un anno Back, molto presto il mio gruppo di amici avrebbe subito dei cambiamenti e troppi pochi eventi riempivano la mia agenda!
Sarebbe stato un disastro, ne ero sicura…eppure alla fine non è andata proprio così!

10994463

Il bello della vita è che quando meno te lo aspetti sceglie di sorprenderti, prende le carte che hai in mano e le sconvolge regalandoti una nuova giocata, a volte più fortunata altre un po’ meno ma sempre completamente diversa da come l’avevi immaginata!
Questo 2015 è stato esattamente così e avrei dovuto capirlo dal primo giorno dell’anno quando, mentre, ero in fila per prendere delle patatine ho letto del primo cambio di rotta di questo anno: dopo tutto non sarebbe stato totalmente un anno non Back!

giphy5

Penserete che come prima reazione nell’apprendere che avrei beccato i Backstreet Boys a Londra, viaggio appena prenotato per celebrare al meglio i miei 30 anni, io abbia fatto i salti di gioia e ringraziato il fato magnanimo per questo inaspettato regalo! Nulla di più sbagliato!
Per quanto avessi adorato il sentigli cantare per me Happy Birthday lo scorso anno, il mio odio per gli imprevisti non mi ha lasciato gioire a pieno di questo inaspettato regalo: chi li aveva invitati anche quest’anno al mio compleanno? In fondo, capitemi, era il mio compleanno sarei dovuta essere io la protagonista del weekend, non loro eh!

tumblr_mh5lrywnbu1qdcp2wo1_500

Eppure, nonostante le mille mila paranoie che hanno accompagnato le settimane precedenti alla partenza, il viaggio a Londra per i miei 30 anni è sicuramente uno dei ricordi che serbo con più tenerezza…e loro sono stati la ciliegina sulla torta o, per meglio dire, sui cupcakes della serata pop trash che io e le mie amiche ci siamo regalate per accogliere il mio ingresso negli -enta.
Cosa c’è di meglio di sentirsi ragazzina in momenti come questi? Assolutamente nulla!11081363_10206195633320046_6309600204601367040_n

E questa era solo la premessa…
In fin dei conti, quello di Londra era l’unico viaggio che avevo in programma a dicembre dello scorso anno! Ho sfogliato il mio album su Facebook dedicato a questo anno ormai finito [voi non potete saperlo ma tra la mia ossessione nel fotografare tutto e la mia paura di dimenticare le cose che vivo, ogni anno è catalogato a mo’ di promemoria del mio vissuto in uno specifico album sul mio profilo Facebook, con tanto di data e luogo in cui è stata scattata la foto] e, guardando tutti i posti in cui sono state scattate le varie foto, ho sorriso alla sensazione di staticità che mi attanagliava pensando al 2015 che doveva arrivare!

11002638_10205987195349227_6444426745071916603_n

Il 2015 è stato l’anno dei viaggi: Londra, Praga, ancora Londra e, infine, Parigi; l’anno dei consueti weekend a Como e del Salone del Mobile di Milano, dell’estate in Puglia e in Liguria, del weekend sulla neve e del Museo di Barbie, della mansarda ad attendermi ad Ostia! L’anno degli infiniti weekend romani, del cibo spazzatura e la distruzione di Dirty Dancing️.

tumblr_inline_njf379jwpn1rpzatm

Il 2015 è stato l’anno dei concerti: Backstreet Boys (seppure solo per venti minuti), Ligabue, Lindsey Stirling, Tiziano Ferro, Robbie Williams, Jovanotti e i Linkin Park. L’anno della trottolina in giro per l’Italia che prenota tutto troppo ravvicinate e si ritrova , puntualmente, a fare delle vere e proprie maratone.

coldplayconcert1-gif

Il 2015 è stato l’anno del mio Eclisse e delle soddisfazioni che mi ha regalato; della gratitudine immensa verso chi ha creduto in me ancor prima che iniziassi a farlo io, verso chi ha dato fiducia alle mie parole e verso chi le mie parole non le ha gradite ricordandomi che nella vita non posso piacere a tutti, in fin dei conti non tutti possono avere buon gusto!

61GuvcJw80L._SL1024_

Il 2015 è stato l’anno del “adesso voglio sentire un urlo!”; del calcio in culo quando per troppa razionalità e paura ho rischiato di rinunciare ad una cosa a cui tenevo tanto; del pianto di gioia attaccata ad un telefono quando tutte le difese sono crollate e l’emozione prende il sopravvento. L’anno in cui lo stupore di sapere che qualcuno avrebbe fatto qualcosa per me solo per il gusto di vedermi felice mi ha scaldato il cuore.

tumblr_m79qq0bph81rziwwco1_500

Il 2015 è stato l’anno delle amicizie: quelle che giorno dopo giorno sono divenute indispensabili certezze, quelle assopite ma mai dimenticate, quelle riscoperte come una piacevole sorpresa, quelle che ti ricordano che non sei sola, quelle giunte al termine dopo 10 anni, quelle messe in discussione che ti fanno piangere come una cretina chiedendoti in cosa sei sbagliata. È stato l’anno della consapevolezza che ho scelto di avere intorno persone che mi capiscono, e che, quando non lo fanno, mi accettano così come sono.

benedict-cumberbatch-saying-thank-you-as-sherlock-gif

Il 2015 è stato l’anno in cui questo spazio virtuale ha preso vita e io ho ritrovato il piacere di mettere nero su bianco i miei pensieri, di non vergognarmi delle parole confuse che chiedono di trovare una collocazione, delle opinioni che non riesco a tacere, delle ansie che chiedono di essere ascoltate.

stay-home-and-blog-gif

Il 2015 è stato l’anno dell’operazione al mio occhio troppo pigro per guardare il mondo; l’anno in cui mi sono ricordata che da sola funziono alla grande ma non per questo devo fare tutto in solitudine.

tumblr_lowedjsoha1qjgnf7o1_500

Il 2015 è stato un anno di cambiamenti: alcuni grandi e visibili, altri impercettibili ma fondamentali. È stato un anno di quelli che un po’ ti deludono, un po’ ti confondono, un po’ ti regalano sorrisi inaspettati e lacrime di gioia; uno di quegli anni colmo di momenti da fotografare e ricordare.

poze

Anche per quest’anno il mio principe azzurro deve aver smarrito la giusta via [dovevo chiedere a Babbo Natale di regalargli un navigatore nuovo, maledizione] e al suo posto sono arrivate delle fatine {lucciole poteva essere frainteso} che hanno illuminato anche i miei giorni più bui regalandomi un sorriso, che hanno combattuto contro i miei silenzi e distrutto i muri che nei giorni di pioggia sono brava ad indossare, che, proprio in quei giorni lì, hanno aperto il proprio ombrello offrendomi un passaggio finché non tornassi a vedere il sole.

queenvgif2

Propositi per questo 2016 ormai alle porte, in realtà, non ne ho, trovo sciocco farmi promesse che non riuscirò mai a mantenere o crearmi false aspettative che, con un’altissima percentuale, saranno deluse. Non mi aspetto nulla, ma sono pronta a lasciarmi sorprendere da tutto; credo possa bastare!

tumblr_m485wpvhsd1ql5yr7o1_400

Ma davvero qualcuno ha letto tutto questo papiro?

 

Pensieri Sparsi

Quasi a casa…di nuovo!!!


image

Altro weekend lungo giunto al termine per me, altro rientro a casa, altro giro con il mio fedele trolley fuxia.
Sono ancora in treno, quasi in dirittura d’arrivo, l’agenda piena degli appuntamenti settimanali e la stanchezza del mio ultimo fine settimana estivo sulle spalle, forse sarebbe meglio dire sulle palpebre vista la fatica che faccio per tenerle aperte.

image

C’è sempre un ritorno…sempre una nuova partenza!!!
A inizio anno non avrei mai immaginato che non sarei stata ferma mai troppo a lungo, adoro come la vita riesca ancora a stupirmi, a mescolare le carte in tavola e ricordarmi che il gioco può cambiare in ogni momento.

image

Anche se il prossimo lo passo a casa, per davvero questa volta.☆

Pensieri Sparsi

L’uomo del treno


Sono solita viaggiare da sola: trolley alla mano, occhiali da sole a nascondere i pensieri, espressione imbronciata, aria svampita e cuffie per isolarmi dal mondo e perdermi nei meandri della mia testa.

Per quanto spesso aneli il teletrasporto per trovarmi in maniera istantanea nel luogo desiderato e nonostante le crescenti ansie che sempre più frequentemente le notizie al telegiornale innescano nella mia essenza, mi godo ogni momento del mio spostamento.

È, però, nell’esatto momento in cui alzo la testa dal mio lettore Ebook e mi concedo di dare uno sguardo a chi ho intorno che, solitamente, trovo storie interessanti da inserire nei miei racconti di viaggio, è nell’istante in cui ricambio il sorriso di uno sconosciuto, chiedo aiuto per la valigia troppo pesante o sposto la mia borsa per far spazio al mio vicino, che permetto a me stessa di fare nuovi e fugaci incontri.

Sono scontri di vite, scambi di parole che restano sospese a mezz’aria, un trucco per ingannare il tempo nei momenti di noia che ti assalgono durante un lungo viaggio.
Lo ammetto, nella mia visione romanzata delle cose, le persone che incontro, di volta in volta, sono figuranti posti da chi tesse i fili del fato per godersi lo spettacolo pop corn alla mano.

Sarà che nei miei viaggi ho incontrato persone di ogni genere: la nonnina che, carica di regali e cibo, attraversava mezza Italia per vedere il nipotino appena nato, la bambina che mi rubava le patatine chiedendomi di raccontarle una storia, la ragazzina al suo primo viaggio da sola per raggiungere il suo amore in un’altra città, il ragazzo che mi ha rubato un bacio, la vecchietta che mi ha riempito di frutta e biscotti, le ragazze americane missionarie venute a fare volontariato in Italia, turisti da ogni parte del mondo.
Storie e vite di cui conservo uno sbiadito ricordo, come pezzi nascosti di un enorme puzzle che, viaggio dopo viaggio, compongo sul muro della mia memoria..

In questo post, voglio condividere con voi il mio ultimo strano incontro fatto in treno, raccontarvi come, a volte, ho la sensazione di essere la protagonista di uno di quei film per ragazzine che adoro tanto guardare. Oh no, toglietevi quel sorrisetto dal volto, non ho incontrato alcun principe azzurro [leggesi: non  ho incontrato alcun bonazzo da far paura per cui perdere la testa e mollare tutto all’improvviso dimenticandomi del mio presente], era più come quei film in cui la bella protagonista svampita mentre sta attraversando un momento della propria vita in cui si sente confusa e smarrita incontra un perfetto sconosciuto che invece sembra aver capito tutto, nonostante non conosca neanche il suo nome.

Andiamo con ordine e partiamo dal principio. Solito inconveniente estivo su un intercity per Roma: aria condizionata guasta con conseguente carrozza chiusa al pubblico; valigia e imprecazioni alla mano, sono andata, quindi, alla ricerca di un posto da occupare. Dribblando bambini frignoni e uomini soli svaccati sui sedili manco fossero sul divano di casa propria, evitando di cascare sulle valigie disposte alla bene e meglio lungo il corridoio, ho trovato pace di fronte a due ragazze in partenza per le vacanze.
Troppo impegnata a brontolare contro la batteria del mio telefono, non ho notato subito il signore paffuto seduto al mio fianco; è stato solo l’arrivo del controllore dall’ostentata simpatia a distogliermi dai pensieri in cui mi ero persa.

Potrei scrivere un intero post sul fatto che la gente dia per scontato che io sia straniera e che, di conseguenza, parli inglese [quando nella tua stessa città il cameriere di parla in inglese inizi a capire che c’è qualcosa che non va proprio come dovrebbe], fatto sta che mi sono ritrovata in maniera del tutto spontanea a fare da traduttrice tra il controllore troppo curioso e il mio vicino di posto decisamente divertito dalla scenetta offerta.

Un modo banale per attaccare bottone direte voi, ed io non posso che darvi ragione!
Non appena il controllore si è allontanato, l’uomo al mio fianco si è rianimato, ben felice di aver trovato qualcuno che parlasse la sua lingua con cui poter condividere il viaggio; sotto lo sguardo sconcertato delle due ragazze, che non capivano una sola parola di cosa stessimo dicendo, abbiamo iniziato così a dialogare del più e del meno.
Domande banali da viaggio:
• è in vacanza?
• come mai da solo?
• da dove viene?
• quanto tempo si ferma in Italia?
Chiacchiere leggere per ingannare il tempo con cui ho appreso che lo sconosciuto signore era norvegese, viveva ad Oslo per la precisione, cambiava lavoro ogni tre anni per noia e voglia di affrontare sempre nuove sfide, aveva lavorato più o meno in tutto il mondo, aveva una moglie e due figlie [di cui ho osservato le foto ascoltando i racconti sulle loro vite], aveva da poco salutato la consorte per godersi gli ultimi giorni in Italia da solo e aveva scelto Roma come ultima meta.

Stavo per dedicarmi alle lettura di qualche blog random, quando mi ha incuriosito con l’ennesima domanda:
posso chiederti in che mese sei nata? E il giorno?
Credo di aver sorriso in maniera cordiale fornendogli la risposta e di aver finto accondiscendenza quando gli ho sentito esclamare:
Tu non lo sai, ma mi hai detto tantissime cose di te in questo momento.

A questo punto del racconto va fatta qualche specifica, sono una persona estremamente razionale eppure mi lascio affascinare dalle cose che non conosco, quei misteri che si nascondono tra le parole e le immagini, tra i numeri ed i pensieri. E’ solo per questo motivo che, invece di scoppiare a ridere come istintivamente avrei fatto, ho domandato incuriosita: ma davvero? Ok, il termine giusto per definire il mio tono di voce sarebbe sarcastico, ma chi non lo sarebbe in una situazione del genere?

Lo sconosciuto signore norvegese, mostrandomi il libro che stava leggendo poco prima di essere interrotto dal controllore, mi ha spiegato la sua passione per la numerologia illustrandomi quanto i numeri che gli avevo fornito gli avevano aperto un mondo su me stessa.

Ero incredula e sconcertata mentre ascoltavo le sue parole fluttuare nell’aria del vagone di quell’intercity diretto a Roma; un perfetto sconosciuto stava tracciando un accurato profilo del mio carattere e del mio modo di affrontare la vita come se mi conoscesse da anni… ed io mi sono ritrovata a parlare delle mie ansie e delle mie paure, come se avessi di fronte un vecchio amico ho liberato i miei pensieri. In fondo è proprio questo il bello di parlare con un perfetto estraneo, la consapevolezza che l’indomani non dovrai rivedere il suo sguardo fa crollare di colpo ogni corazza di cui ti eri ricoperta fino a quel momento.

Abbiamo chiacchierato per oltre un’ora ridendo di quanto buffo fosse stato il destino quel giorno: io ero sulla carrozza sbagliata, lui sul treno sbagliato, entrambi stavamo imparando qualcosa da quell’incontro inaspettato, da quelle chiacchiere leggere e pesanti allo stesso momento.
Ci siamo salutati augurandoci il meglio per le nostre vite, mi ha lasciato una mail per inviare il mio curriculum a sua moglie che non credo utilizzerò mai e con la consapevolezza di non aver sprecato tempo con le nostre chiacchiere.

“Non devi aver paura di perdere nella vita, ogni volta che perdi qualcosa, in realtà, impari molto altro; impari che resti in piedi, nonostante tutto; impari che sei, comunque, più forte tutto. Le prime volte ci stai male, ma poi impari che alla fine tutto passa, che tu riesci a far passare tutto. Ci vuole tempo. Perdere aiuta a costruire la tua personalità, non farti spaventare dalle cose che non vanno come vorresti. Non aver paura di desiderare qualcosa, sai che, prima o poi, sei talmente testarda da ottenerlo.”

Grazie sconosciuto signore del treno.