Pensieri Sparsi

È vero non sono pronta alla prova costume…


…ma posso scegliere di prendere un bel 2 e accettare la sconfitta o questo tempo del cavolo deve continuare a fingere di volermi donare del tempo far farmi divenire bella e magra?

Ci rendiamo conto che il mese di Maggio è praticamente finito e io non ho ancora messo le mie braccia morbidose all’aria? Siamo seri quando al mattino dobbiamo far attenzione a non dimenticare il giubbino, quello col cappuccio che almeno ci protegge da questa pioggia del cavolo?

Dove è finita la primavera?

Come può arrivare l’estate se ancora il piumone non ha abbandonato la residenza del mio letto? Se ancora non mi è chiaro quale parte dell’armadio utilizzare al mattino? Se insieme agli occhiali da sole devo ricordare di prendere anche l’ombrello?

Come faccio a tirare fuori la parte estiva di me se sembra ci abbiano rubato l’estate?

Pensieri Random di una 15enne · Pensieri Sparsi

You Think you Know…


Quando la vita inizia a somigliare sempre più un trenino delle montagne russe da cui è impossibile scendere, inizi a chiederti se sarai davvero in grado di staccare da tutto e tutti almeno per un giorno.
Inizi a temere che lo switch per tornare 15enne possa non funzionare più, come se all’alba dei tuoi 34 anni essere grandi possa essere l’unico modo di affrontare la vita.
Inizi a non sentire per davvero le solite ansie che hanno da sempre accompagnano questi eventi, non hai tempo per ascoltare quella vocina flebile nella tua testa che cerca invano di attirare la tua attenzione.

me

Funziona che prendi un aereo di corsa subito dopo un’intensa giornata di lavoro, riabbracci le tue amiche mentre cercate un posto in cui mangiare poiché tutto quello che hai in corpo sono due mini Philadelphia e 4 patatine prese dal distributore automatico, finisci sotto il loro hotel assecondando il tuo animo da stalker ma, anche dopo aver chiacchierato con Mike, sei lì a pensare alla serratura della porta della barca che non sei riuscita a recuperare prima di partire.

tenor

Succede che sei davvero stanca eppure pian piano le chiacchiere e le risate delle amiche che man mano iniziano a circondarti iniziano a fare la magia; non sai bene dove sia nascosto quel pulsante magico ma senti che, quasi senza rendertene conto, lo switch avviene. Senti il suono della tua risata, forse un po’ più isterica del solito, che risuona nell’aria…e l’ansia, quella che aspettavi, finalmente prendere possesso della tua testa.

tenor-1

È sempre un viaggio strano nei meandri dei sentieri tortuosi della mia testa, eppure ogni volta è una nuova avventurache, anche se a rilento, adoro mettere nero su bianco.

3233410337_1_10_lxtxrihy

E’ stato un viaggio strano. Credo che ce lo siamo ripetute un miliardo di volte a sto giro.
L’aver deciso, circa 7 mesi fa, che ancora una volta sarebbe stato compito nostro rendere quella serata magica si è rilevata un’impresa più complicata di quanto potessimo immaginare. Le reazioni incredule e felici di 5 anni fa erano ancora troppo impresse nelle nostre retine e, nonostante lo scetticismo iniziale, provare a scappare da questo impegno sembrava impossibile. E così è stato.
La mole infinita di cose che possono cambiare in 5 anni è, a dir poco, infinita.
Ma 7 mesi fa non potevamo neanche lontanamente immaginarlo.

giphy

Sono stati 7 mesi intensi.
7 mesi in cui, oltre alla confusione e agli impegni delle nostre vite (che in 5 anni sono diventate stressanti e complicate in maniera esponenziale), ci siamo ritrovate a combattere contro a restrizioni e autorizzazioni, presentazioni e progetti da sottoporre a Sony e Live Nation, attese per il benestare del managment americano, fornitura e logistica dei materiali, ansie e liti, risate isteriche e battibecchi telefonici alla ricerca della pura magia.

47cdffd38129c251c9cf1a873ad9bf4ce29d30fc82404de98eb53f7e5334928a

E’ con un carico maggiorato di ansia che è iniziata la giornata del 15 Maggio.
Mentre tutti erano a programmare come beccarli fuori dall’albergo, noi eravamo a ritoccare gli schemi da attuare per riuscire a far funzionare la macchina da guerra che avevamo messo su. Mentre mettevamo in ordine trucco e parrucco ripetevamo come delle ossesse il materiale da portare, le persone da chiamare, le cose da non dimenticare. Si, esattamente come delle pazze.

blair-waldorf-judging-you-gif

Siamo passate fuori dall’albergo forse più per sentirci almeno per 5 minuti delle fans normali che non stavamo morendo di ansia da prestazione.
I 5 minuti che a me sono serviti a ricordare il senso di tutta la giornata.
Ero nervosa, agitata e forse più acida del solito…fino a quando, grazie a chi forse aveva capito più di me di cosa avessi bisogno, finalmente TU.

img_5807

La scena è stata tragicomica, forse più del solito.
“C’è Nick, salutalo.”
“No. Non voglio.”
Cosa mi avesse detto il cervello io ancora non lo so. A te, per fortuna, non importa.
Uno sguardo. Il solito. Una linguaccia. Come sempre. Un bacio. Le mie lacrime.

tenor-2

Perché diciamolo pure: mi hanno vista tutti piangere.
Probabilmente c’è chi ha goduto non capendo il momento, forse c’è chi mi ha giudicato male…a qualcuno magari ho fatto anche tenerezza (si, lo so, è impossibile).
Ho pianto perché era passato un anno ma in realtà non era passato un solo istante.
Ho pianto perché era passato un anno ma non era cambiato nulla.

img_5573
Il mio umore è cambiato, almeno per un po’.
Ma non c’era tempo per crogiolarsi, la corsa contro il tempo era ormai iniziata: la corsa al filaforum di Assago, il controllo della correzione delle stampe sbagliate, il pranzo al volo che ti fa rendere conto che sei passata dai panini del Mc Donald’s al risotto con i gamberetti, l’incontro con i tipi di Live Nation mentre stai ancora cercando di portare il cibo alla bocca, lo scarico della mole infinita di materiale, il dissuasore del traffico che non ne voleva sapere di lasciarci libera la strada, il biglietto del concerto finalmente tra le mani, ritardi non giustificati e assenze poco chiare, ansia, stress ma tanti volti amici che con passione erano li a ricordarci che Siamo una squadra fortissima.

img_5808

Si ringrazia Alessandra per avermi reso presentabile nonostante la stanchezza e lo stress sul viso; per aver cercato di rendermi nuovamente una persona normale.

img_5809

Ci eravamo preparate per 7 mesi per quel momento e non poter essere dentro con le ragazze ad ammazzarci fisicamente di lavoro e coordinare tutto il lavoro lentamente ci ha ucciso. Essere in fila per dare inizio al divertimentoe non riuscire a staccarsi dal telefono per capire se le ragazze sono entrate, se è fattibile fare il lavoro in quel poco tempo, se il lavoro di tutti riesca a non essere vano. Essere in fila e capire che hanno fatto casino con le autorizzazioni, temere che nel parterre non si potesse mettere più nulla, cercare un piano di riserva senza smettere di trovare una soluzione per far andare avanti il primo.

giphy-2

Fare il giro del backstage, vedersi passare Briandi fianco e continuare ad osservare se le ragazze stanno posizionando i fogli in maniera corretta. Scorgere i cuori in platea e sentire il proprio scoppiare nel petto.

e524f665-fe84-4c57-b15e-4d75cc944abd

Credo di essermi ritrovata in fila per fare la foto senza neanche rendermene conto, di aver capito cosa stesse accadendo solo quando sono entrata in quella stanza.
Finalmente loro. Finalmente Lui.
Dopo anni mi sono ritrovata a pensare: Esistono davvero.Non ero pronta a quel momento, non mi ero preparata affatto. Era tanto che non mi sentivo così impreparata.

giphy-3

Le braccia di Brian le prime ad accogliermi. Adoro i suoi abbracci.
Di Alex ricordo sempre troppo poco…i miei occhi erano stati già calamitati dai suoi.
“Oh…Hey.”
E persa tra le tue braccia mi sono sentita nuovamente a casa. E tu sei uno stronzo e lo sai.
I want a BIG hug from you!”
Chissà cosa volessi veramente dire in quel momento. Kevin ha riso e sottolineato che io volessi un BIG HUG FROM YOU…GRANDE…hai riso…io volevo morire…mi hai abbracciato e stretto più forte al momento della foto (grazie, mi ero preoccupata di non riuscire ad avere la solita faccia da allucinata cronica). Hai riso di nuovo e mi hai abbracciato di nuovo. Ti ho dato un bacio sul collo perché non si dica che la testa mi assista in quei momenti. Mi hai abbracciato di più mentre Kevin guardava divertito probabilmente pensando ancora che sono un’analfabeta funzionale.
Ho salutato Kevin, due baci sulle guance e lui mi ha abbracciato. Come fa sempre, con tutti, come per dire Grazie.
Mi sono trovata Howie sulla strada verso l’uscita…puoi davvero non salutarlo?

79d896e9-bb2c-4b57-8106-298a3be58524

Ho lasciato la stanza frastornata e la prima frase che ho sentito è stata:
“C’è un problema con la Fan Action.”
Sono sbiancata. Anche il tizio della sicurezza aveva capito quanto fosse facile prenderci in giro in quel momento.

img_5794
Ho bevuto. Tanto e di gusto. Ho riso in compagnia delle mie vecchie amiche di sempre e di quelle nuove appena scoperte. Abbiamo brindato come se non ci fosse un domani  perché del domani poco ci importava: in quel momento eravamo felici, ma felici per davvero.
Era la quiete prima della tempesta. E lo sapevamo.

Arrivata nel circle è iniziata la battaglia: ancora fogli da consegnare, direttive da fornire, starlights da far brillare, una stronza da mandare a cagare (perchè quando deciderò di portare croccantini per calmare gli animi di quelle animali sarà sempre troppo tardi).
Che poi, apro e chiudo parentesi, ma io dico: piccola imbecille davvero credevi di poterla avere vinta contro di me? PORACCITUDINE HAS NO LIMITS.

giphy-1

Insomma, il telone è calato letteralmente sulle nostre teste e lo spettacolo ha avuto inizio.
E’ stato strano.Il cuore batteva forte, Tu eri semplicemente il solito Tu a cui sono ormai affezionata, l’adrenalina era a mille eppure i nostri occhi fissavano la scaletta in attesa del momento della verità.

img_5803

Sulle prime note di Incomplete mi è mancato il respiro. Ho chiuso gli occhi per una frazione di secondo. Speriamo vada tutto bene. Li ho riaperti ed è stata magia.
Siiiii. La prima è andata. Abbiamo urlato, le nostre mani si sono incontrate in un battito di gioia. Possiamo respirare, per un po’.

Avevamo superato il primo test, ma il vero esame lo avremmo sostenuto a breve.
Ho perso un battito quando Shape of my Heart ha iniziato a risuonare nel forum, ho ascoltato tutta la parte di Nick quasi senza respirare…e credo che il video spieghi meglio di me cosa sia accaduto.

Abbiamo pianto. Ci siamo abbracciate tra i singhiozzi di chi sa di esserci riuscita, nella consapevolezza di aver creato qualcosa di grande. Tremavamo incredule della magia che due teste vuote erano riuscite a tirare fuori da un cappello fatto di ansie, sogni e testardaggine da vendere. Piangevamo per le ragazze che ci avevano dato fiducia, per chi ci aveva dato soldi e chi era diventato le nostre braccia e le nostre gambe. Piangevamo per lo stupore disegnato sui volti di chi da anni ci regala emozioni.
Lacrime e gioia. Ce l’abbiamo fatta. Finalmente potevamo goderci la serata, la nostra serata.

Il concerto è stato pazzesco. Loro sono stati pazzeschi. Noi siamo state pazzesche.
Ma neanche a questo punto della storia c’era il tempo per fermarsi a festeggiare, di corsa in macchina per raggiungere un locale dalla parte opposta di Milano per l’afterparty.
Ovviamente in ritardo, ovviamente le ultime ad entrare nell’area Vip praticamente pochi istanti prima che arrivassi Tu e l’altro.

giphy-4

Altro giro, altra corsa.
Solo adesso che metto nero su bianco il tutto, mi rendo conto di non aver salutato Howie; sono venuta direttamente da te.  Il tuo sorriso mi uccide ogni volta.
“Hello, Kitty.” – Ti è concesso solo perché sei Nick Carter, lo sai, si?
Mi hai abbracciato e hai riso quando ti ho detto che Howie nella foto non lo volevo.
E’ solo in questo momento che mi sono resa conto di lui, con voce carina e coccolosa gli ho detto:
“Facciamo che tu ti metti qui e fai un po’ quello che vuoi. Ecco, bravo qui. Sorridi. Fai la faccia arrabbiata. Fai quello che vuoi. Non ci mettiamo in la, eh!”

84c748cb-eef4-46fd-8495-5a40319ff997

Tu hai riso divertito. E’ l’effetto che ti faccio.Un altro bacio…un altro segno.

img_6383.png
Ricordate lo switch di cui parlavo un milione di parole fa?
Ricordate tutte le ansie di non essere più capace di vivere il momento?
Parole…parole…parole.
Mi perdo nell’azzurro dei Tuoi occhi ogni volta come fosse la prima, mi sento a casa quando mi stringi tra le tue braccia cicciottose, la morbidezza della tua pelle e il suono della tua risata. E’ sempre un fiume di parole senza senso quando provo a raccontare cosa vivo in quel momento, perdo il filo insieme al senno ogni volta che i miei occhi si incrociano con i tuoi. Torno 15enne e torno stupida, sono felice. Di quella felicità puttana che è come una droga. Un’astinenza continua che mi spinge a fregarmene delle poche ore di sonno prima di tornare a lavoro, a fregarmene delle risatine di chi non capisce, a fregarmene di chi  vuole fare i conti nel mio portafogli.

source

E’ l’ansia che torna a scalfire la mia serenità; un uragano che ogni volta mi lascia per giorni in balia di quelle emozioni che mi stravolgono l’esistenza e mi ricordano che non viva. Ma viva per davvero.

img_5811Come ogni volta è un libro più che un racconto…ed è neanche la metà di cosa si affolla nella mia mente.
Come ogni volta i gioielli più brillanti sono le amiche con cui condivido questi momenti, eppure questa volta c’è qualcuno in più da ringraziare. Lo abbiamo fatto per giorni ma non è mai abbastanza.

img_5812

Come sempre però il grazie più grande lo devo a Me stessa per ogni volta che osservo impaurita le mie ansie fissarmi e deciso di essere più forte di loro; per tutte le volte che temo di non farcela e mi dimostro che mi sbagliavo; per quando cedo alla tenerezza di un abbraccio o al bisogno di avere vicino le mie amiche; per quando metto il telefono in modalità aereo e decido che il tempo per me è un momento sacro.

Grazie a me che mi concedo di essere Me quando sono con Te.

Pensieri Sparsi

Un anno.


Uᥒ ᥲᥒᥒo ᥱsᥲtto dᥲ qᥙᥲᥒdo “I doᥒ’t kᥒoᥕ” ᥱ̀ stᥲto ᥣᥲ rιsρostᥲ ᥲd ogᥒι domᥲᥒdᥲ.

Uᥒ ᥲᥒᥒo.

Uᥒ ᥲᥒᥒo ρᥱr mᥱtᥲboᥣιzzᥲrᥱ.

Uᥒ ᥲᥒᥒo.

È ᥣᥙᥒgo ᥙᥒ ᥲᥒᥒo.

Bᥲstᥲ ᥙᥒ ᥲᥒᥒo?

Pensieri Sparsi

Come lo spieghi il mare?


L’idea di dover lavorare in questo giorno di festa mi aveva turbato decisamente tanto, la tangenziale semivuota e il grigiume del cielo sembravano volermi suggerire che altrove era il giusto luogo dove avrei dovuto essere.

Mi sono imposta di non perdermi nelle lagne che riempivano la mia mente, ho posteggiato la macchina dopo l’annesimo giro a vuoto e mi sono diretta in banchina ad attendere che arrivassero tutti.

Nella desolazione del silenzio sembrava che il mondo di colpo fosse stato avvolto da una nuvola di ovatta. Il rumore delle cime che si opponevano al dondolio incessante del mare era l’unico suono che riecheggiava nell’aria. Nel silenzio più profondo anche i pensieri hanno trovato ristoro.

Ma come lo spieghi il mare a chi, guardandolo, vede solo una distesa di acqua?

Pensieri Sparsi

…107/365


Ogni tanto torno a tediarvi con le foto!

𝟻𝟶/𝟹𝟼𝟻

𝚂𝚞𝚙𝚎𝚛𝚖𝚘𝚘𝚗

𝟻𝟸/𝟹𝟼𝟻

𝙸𝚕 𝚖𝚒𝚘 𝚐𝚊𝚝𝚝𝚘 𝚗𝚘𝚗 𝚙𝚘𝚝𝚎𝚟𝚊 𝚗𝚘𝚗 𝚎𝚜𝚜𝚎𝚛𝚎 𝚕𝚒𝚝𝚒𝚐𝚒𝚘𝚜𝚘.

𝟼𝟶/𝟹𝟼𝟻

𝙲𝚕𝚘𝚜𝚎 𝚢𝚘𝚞𝚛 𝚎𝚢𝚎𝚜 𝚊𝚗𝚍 𝚖𝚊𝚔𝚎 𝚊 𝚠𝚒𝚜𝚑.

𝙷𝚘 𝚌𝚘𝚖𝚙𝚒𝚞𝚝𝚘 𝚐𝚕𝚒 𝚊𝚗𝚗𝚒 𝚖𝚊 𝚗𝚘𝚗 𝚜𝚘𝚗𝚘 𝚍’𝚊𝚌𝚌𝚘𝚛𝚍𝚘, 𝚚𝚞𝚎𝚜𝚝𝚘 𝚗𝚞𝚖𝚎𝚛𝚘 𝚗𝚘𝚗 𝚖𝚒 𝚛𝚊𝚙𝚙𝚛𝚎𝚜𝚎𝚗𝚝𝚊.

𝟻𝟻/𝟹𝟼𝟻

𝙵𝚘𝚛𝚜𝚎 𝚊𝚕𝚕𝚊 𝚏𝚒𝚗𝚎 𝚖𝚒 𝚊𝚖𝚘 𝚜𝚘𝚕𝚘 𝚞𝚗 𝚙𝚘’ 𝚍𝚒 𝚙𝚒𝚞̀!

𝟻𝟾/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊 𝚍𝚎𝚕𝚕𝚎 𝟿 𝚟𝚒𝚝𝚎, 𝚚𝚞𝚊𝚗𝚝𝚎 𝚐𝚕𝚒𝚎𝚗𝚎 𝚜𝚊𝚛𝚊𝚗𝚗𝚘 𝚛𝚒𝚖𝚊𝚜𝚝𝚎?

𝟼𝟺/𝟹𝟼𝟻

𝙲𝚑𝚒 𝚝𝚒 𝚌𝚘𝚗𝚘𝚜𝚌𝚎 𝚝𝚒 𝚛𝚎𝚐𝚊𝚕𝚊 𝚞𝚗𝚒𝚌𝚘𝚛𝚗𝚒, 𝚏𝚎𝚗𝚒𝚌𝚘𝚝𝚝𝚎𝚛𝚒 𝚛𝚘𝚜𝚊, 𝚣𝚞𝚌𝚌𝚑𝚎𝚛𝚘 𝚏𝚒𝚕𝚊𝚝𝚘 𝚎…𝚒𝚕 𝚔𝚒𝚝 𝚍𝚊 𝚙𝚎𝚛𝚏𝚎𝚝𝚝𝚊 𝙱𝚕𝚊𝚒𝚛!

𝟼𝟿/𝟹𝟼𝟻

𝙲𝚛𝚎𝚊 𝚒𝚕 𝚝𝚞𝚘 𝚙𝚊𝚗𝚌𝚊𝚔𝚎…

𝙲’𝚎̀ 𝚋𝚒𝚜𝚘𝚐𝚗𝚘 𝚍𝚒 𝚍𝚘𝚕𝚌𝚎𝚣𝚣𝚊 𝚗𝚎𝚕𝚕𝚊 𝚟𝚒𝚝𝚊.

𝙱𝚊𝚜𝚝𝚊 𝚙𝚘𝚌𝚘.

𝟽𝟷/𝟹𝟼𝟻

𝚃𝚘𝚛𝚗𝚊𝚛𝚎 𝚍𝚘𝚙𝚘 𝚍𝚒𝚎𝚌𝚒 𝚐𝚒𝚘𝚛𝚗𝚒 𝚒𝚗 𝚙𝚊𝚕𝚎𝚜𝚝𝚛𝚊 𝚎 𝚏𝚒𝚗𝚒𝚛𝚎 𝚒𝚗 𝚙𝚒𝚣𝚣𝚎𝚛𝚒𝚊 𝚜𝚞𝚋𝚒𝚝𝚘 𝚍𝚘𝚙𝚘.

𝙼𝚒 𝚜𝚎𝚖𝚋𝚛𝚊 𝚐𝚒𝚞𝚜𝚝𝚘.

• 𝙻𝚊 𝚏𝚘𝚛𝚖𝚊 𝚝𝚘𝚗𝚍𝚊 𝚎̀ 𝚙𝚞𝚛 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚛𝚎 𝚞𝚗𝚊 𝚏𝚘𝚛𝚖𝚊 •

𝟽𝟻/𝟹𝟼𝟻

𝚆𝚑𝚘𝚎𝚟𝚎𝚛 𝚜𝚊𝚒𝚍 𝚖𝚘𝚗𝚎𝚢 𝚌𝚊𝚗’𝚝 𝚋𝚞𝚢 𝚑𝚊𝚙𝚙𝚒𝚗𝚎𝚜𝚜 𝚜𝚒𝚖𝚙𝚕𝚢 𝚍𝚒𝚍𝚗’𝚝 𝚔𝚗𝚘𝚠 𝚠𝚑𝚎𝚛𝚎 𝚝𝚘 𝚐𝚘 𝚜𝚑𝚘𝚙𝚙𝚒𝚗𝚐.

𝙳𝚘𝚙𝚘 𝚞𝚗𝚊 𝚜𝚎𝚝𝚝𝚒𝚖𝚊𝚗𝚊 𝚌𝚘𝚖𝚙𝚕𝚒𝚌𝚊𝚝𝚊, 𝚗𝚘𝚗 𝚎𝚜𝚒𝚜𝚝𝚎 𝚊𝚕𝚌𝚞𝚗𝚊 𝚝𝚎𝚛𝚊𝚙𝚒𝚊 𝚖𝚒𝚐𝚕𝚒𝚘𝚛𝚎 𝚍𝚎𝚕𝚕𝚘 𝚜𝚑𝚘𝚙𝚙𝚒𝚗𝚐!!!

𝟽𝟼/𝟹𝟼𝟻

𝚆𝚘𝚛𝚔…𝚊𝚏𝚝𝚎𝚛 𝚠𝚘𝚛𝚔!?!

𝟽𝟽/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊 𝚟𝚘𝚒 𝚌𝚎 𝚕𝚎 𝚊𝚟𝚎𝚝𝚎 𝚕𝚎 𝚊𝚖𝚒𝚌𝚑𝚎 𝚌𝚑𝚎 𝚊𝚜𝚜𝚎𝚌𝚘𝚗𝚍𝚊𝚗𝚘 𝚕𝚊 𝚟𝚘𝚜𝚝𝚛𝚊 𝚙𝚊𝚣𝚣𝚒𝚊?

*𝚈𝚘𝚞 𝚔𝚗𝚘𝚠 𝚢𝚘𝚞 𝚕𝚘𝚟𝚎 𝚖𝚎. 𝚇𝙾𝚇𝙾, 𝙶𝚘𝚜𝚜𝚒𝚙 𝚐𝚒𝚛𝚕*

𝟾𝟸/𝟹𝟼𝟻

𝚁𝚘𝚖𝚎

𝟾𝟹/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊 𝚌𝚘𝚖𝚎 𝚕𝚘 𝚜𝚙𝚒𝚎𝚐𝚑𝚒 𝚒𝚕 𝚖𝚊𝚛𝚎 𝚊 𝚌𝚑𝚒 𝚟𝚎𝚍𝚎 𝚜𝚘𝚕𝚘 𝚊𝚌𝚚𝚞𝚊?

𝟪𝟧/𝟥𝟨𝟧

𝟧𝟢.

𝟾𝟾/𝟹𝟼𝟻

𝚂𝚒 𝚙𝚊𝚛𝚝𝚎 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚛𝚎 𝚍𝚊 𝚣𝚎𝚛𝚘.

𝟾𝟿/𝟹𝟼𝟻

𝙼𝚊𝚍𝚛𝚒𝚍

𝟿𝟶/𝟹𝟼𝟻

𝙱𝚊𝚌𝚔 𝚑𝚘𝚖𝚎!!!

𝟿𝟹/𝟹𝟼𝟻

𝙴̀ 𝚜𝚘𝚕𝚘 𝚖𝚎𝚛𝚌𝚘𝚕𝚎𝚍𝚒̀!

94/365

Coᥴᥴoᥣᥱ

𝟷𝟶𝟺/𝟹𝟼𝟻

𝚂𝚘 𝚝𝚒𝚙𝚒𝚌𝚊𝚕𝚕𝚢 𝚖𝚎.

𝟷𝟶𝟽/𝟹𝟼𝟻

𝙸 𝚛𝚎𝚐𝚊𝚕𝚒 𝚒𝚗𝚊𝚜𝚙𝚎𝚝𝚝𝚊𝚝𝚒 𝚜𝚘𝚗𝚘 𝚜𝚎𝚖𝚙𝚛𝚎 𝚒 𝚙𝚒𝚞̀ 𝚐𝚛𝚊𝚍𝚒𝚝𝚒.

Se siete arrivati fino a questo punto, dovete quanto meno lasciare un commento 💕

Pensieri Sparsi

#SocialDown


Non ti rendi conto di avere una dipendenza fino a quando qualcosa o qualcuno non ti priva di quella cosa senza il tuo volere.

È da circa mezz’ora [essenzialmente da quando sono tornata a casa dopo un po’ di shopping veloce e me ne sono accorta] che impreco contro la Fastweb, la Vodafone e il mio IPhone cercando di capire perché non funziona più nulla. Grazie Twitter per aver risposto ai miei dubbi esistenziali.

Entri su Facebook…il vuoto cosmico.

Entri su Instagram…il nulla più assoluto.

Entri su Whatsapp…e senti l’eco del silenzio.

Il punto è che pur non avendo foto da postare su Instagram, pur non dovendo fare grandi annunci su Facebook, pur essendo consapevole che le importanti comunicazioni da inviare su Whatsapp altro non sono che enormi idiozie per ingannare il tempo…non riesco a non sentirmi irritata da questa impossibilità comunicativa.

Insomma è domenica e fuori piove, il privarmi della libertà di inebetire sul web è cattiveria. Punto.

Ma come passavamo il tempo prima dei social?

Pensieri Sparsi

Di squali e altre follie…


Sono giorni che mi riprometto di passare un poco qui, poi arrivo a casa così stanca e desiderosa di morire nel mio letto che l’idea di pigiare ulteriori tasti dinanzi ad un computer che puntualmente desisto e rimando all’indomani.
Ma quando arriva questo domani? Se continuo così probabilmente mai.

200

Che io stia fuggendo a qualcosa è ormai palese anche ai sassi.
Ma posso decidere di fuggire dal fatto che io stia fuggendo a qualcosa?

giphy.gif

Secondo la mia testa da psicopatica, forse no! Ed è per questo che sono iniziati gli incubi i sogni agitati strani. Ma parliamone. La premessa è che, ve lo giuro:
– non avevo mangiato pesante;
– non avevo visto film sul mare;
– non avevo visto film horror ne parlato di omicidi con nessuno.
Il fatto che avevo mal di testa può essere una motivazione valida?

giphy-1

Insomma, non so perché e non so per come ma ho chiuso gli occhi ed ero in una villa posta su una palafitta in mezzo al mare; c’ero io, un uomo, una donna e due bambini…e non è l’inizio di una barzelletta. Intorno a noi solo un’infinita distesa di mare azzurro, sole  alto in cielo e aria serena fino all’arrivo di uno squalo.

giphy-3

Ansia e panico: vuole sbranarci.
Basta non andare in acqua,
direte voi. Spiegatelo alla mia mente che ha ben pensato di generare uno squalo geneticamente modificato capace di saltare sulla piattaforma di legno da cui stavamo fissando il mare e sbranare in pochi bocconi l’uomo.

squali-69160

A quel punto la cosa più giusta da fare è stata correre in casa, chiudere tutte le porte a chiave e scappare con ansia dallo squalo che continuava ad inseguirci. Si, perché lo squalo geneticamente modificato dei miei sogni se ne sbatte della convinzione del mondo per cui dovrebbe stare solo in acqua.

giphy-4

Tra ansia e angoscia, mi ritrovo chiusa in un bagno con un bambino, rannicchiata nella speranza di non morire sbranata dallo squalo.

giphy-5

Poco prima di svegliarmi di soprassalto, arriva una grande barca a salvarci.
Manco mi trovassi in un film.

b189002305d9af5c705025841c796c0f

Insomma, ne vogliamo veramente parlare di questa follia?
Cosa  vuole comunicarmi il mio subconscio?
Che problemi ho?