Pensieri Sparsi

Prima di partire…


“Sono in aeroporto per tornare a casa. Ho conosciuto una ragazza che si chiama Angela…”E’ così che la piccola Maya ha inaugurato il suo nuovo diario segreto, seduta su quella scomoda sedia dell’aeroporto di Bergamo aspettando di tornare a casa…esattamente come me.Ho coperto gli occhi e le ho promesso che non avrei letto cosa avrebbe scritto, e così ho fatto. Mi piaceva darle l’illusione che viviamo in un mondo in cui la gente ascolta quello che chiedi, un mondo in cui la gente non se ne sbatte delle conseguenze di quello che fa. Un mondo che non esiste.Maya mi ha raccontato di sua sorella più piccola che le scarabocchiava i diari e del matrimonio a cui era stata il giorno prima, della casa dei nonni e della sua mamma a cui dava noia stare ferma ad aspettare quell’aereo che proprio non voleva farci partire.Non mi piacciono i bambini eppure Maya, con le sue mille e trecento domande, mi ha tenuto compagnia. L’ho osservata scrivere sul suo quadernino nuovo con metodica attenzione, esattamente come facevo io alla sua età.È con la sua immagine nella mente che ho messo piede sull’aereo per tornare a casa, la consapevolezza che in un mondo troppo veloce c’è ancora una bambina che trova gioia perdendosi tra le sue stesse parole.In un mondo come questo, c’è ancora chi riesce ad immaginare un mondo diverso.

Pensieri Sparsi

Comunque andare…


… anche quando ti senti morire, per non restare a fare niente aspettando la fine; andare perché ferma non sai stare, ti ostinerai a cercare la luce sul fondo delle cose! 


Il miglior modo per sconfiggere la malinconia resta sempre quello di prendere il mio fidato trolley fuxia…e andare! Non importa quanto lontano, non importa per quanto tempo, l’importante è sempre non fossilizzarsi sulle mancanze, su quei vuoti che riempiono la vita quotidiana. Il miglior modo per essere felici è cedere a ciò che ci rende felici!


Buon weekend, gente ❤️

Pensieri Random di una 15enne · Pensieri Sparsi

Se chiudo gli occhi, ricomincia il weekend?


Non può essere vero che il fine settimana sia già giunto al termine, lo so, lo dico ogni santa domenica da un po’ ma io davvero non me né capacito di come velocemente trascorra il lasso di tempo che intercorre tra le ore 18:00 del venerdì e le ore 7:29 del lunedì. 

Come è stato il mio weekend?
Intenso!
Perché quando in 48 ore hai: dedicato il giusto tempo a te stessa,  passato del tempo con un’amica che non vedevi da mesi, fatto del sano shopping, mangiato come uno scaricatore di porto, tirato fuori le prime maglie primaverili, svuotato il telefono dei due milioni di foto fatte nell’ultimo mese, recuperato un paio di serie TV [inutile illudersi di fare le mega maratone di un tempo] e chiacchierato tanto ma tanto a telefono lasciandosi rapire dalle ansie pre-partenza [mancano appena 33 giorni e direi che mi sembra il minimo].

elena1

E il vostro weekend come è stato?

 

Pensieri Sparsi

Ricorda di mettere il costume da bagno in valigia!


Ero in macchina con delle amiche l’altro giorno, solite conversazioni futili e allegre che accompagnano quei giorni spensierati in cui quello della leggerezza è l’unico peso che si ha voglia di portare; la voce del navigatore flebile sottofondo alle canzoni a cui neanche stavamo prestando realmente attenzione. Si chiacchierava immaginando i giorni felici che ci attendono tra un pò, quelli che aspettiamo da circa un anno e che, al solo pensiero che manchi così poco, ci fanno tremare le gambe per l’ansia e l’emozione.

tumblr_n6kktzibaq1tqcg6no1_400

Tutto aveva il dolce gusto della gioia fino a quando, con estrema nonchalance, è stata pronunciata la nefasta frase che, nonostante siano passati un paio di giorni, ancora risuona come una minaccia nella mia povera testolina:
Ricorda di mettere il costume da bagno in valigia!

tumblr_o24ldltf9u1tji3clo1_400

Sapevo che, prima o poi, sarebbe giunto il momento, semplicemente non ero pronta ad affrontarlo con tutto questo anticipo.
Siamo onesti, mentire non ci aiuterà in questo caso: nonostante i mille buoni propositi in cui ci rintaniamo a settembre, ogni anno si ripete la stessa tragedia.

tina2bcipollari2bgif

La verità è che, se ci ragionate bene, ne abbiamo colpa solo fino ad un certo punto, siamo vittime di un circolo vizioso dalla cui spirale malefica è complicatissimo venirne fuori.

tumblr_n1tn62uyz61s7ub96o1_400

Ogni estate ci si guarda allo specchio con gli occhi pieni di lacrime di coccodrillo e lo stomaco ancora pieno della lasagna appena divorata, si notano tutti, e sottolineo tutti, i difetti che, fino a 5 minuti prima, avevamo ignorato di avere e, dopo una travagliata espiazione mentale dei propri peccati di sola, si arriva all’unica soluzione plausibile: l’accettazione.

tumblr_mwvjnnwe8k1s7ub96o1_400

Quando è ormai troppo tardi per mutare la forma sferica assunta dal proprio corpo nel lungo periodo invernale e il costume da bagno sta scalciando dal cassetto in cui è riposto per essere portato finalmente a mare, ricordarsi di amarsi sempre e comunque (qualsiasi sia la propria forma) risulta essere fondamentale per non ritrovarsi a fissarsi i piedi sul bordo di un burrone interrogandosi su quanto farà male saltare giù.

tumblr_mzhxw4dxke1s7ub96o1_400

E’ un processo lungo quanto meno fino alla prima vera e propria abbronzatura perchè, si sa, il nero sfina e l’abbronzatura rende tutti più belli; una preoccupazione che sparisce tra un mojito ed uno spriz in compagnia quando i colori del tramonto e il luccichio del mare rendono tutto più magico ed etereo, quando la sagoma riflessa allo specchio diviene uno sbiadito ricordo di quando si era bianchicci e poco estivi.

tumblr_ncb6kp2djb1tqcg6no1_r1_500

Puntualmente ci si ritrova a salutare l’estate ed il suo calore con la solita solenne promessa: il prossimo anno non mi troverai impreparata. 
Ci si crede veramente a quelle parole quando, con la mano sul cuore, le si pronuncia fissando il sole che tramonta portando via la spensieratezza dei giorni estivi; ci si crede a quella promessa fatta a se stessi di riuscire, almeno per questo nuovo anno, a non trasformarsi nella versione femminile di Winnie The Pooh durante i mesi invernali che sopraggiungeranno.

tumblr_n0bsw0mb9t1tqcg6no1_500

Uno ci crede davvero; se non fosse che Settembre è troppo amico di agosto e del suo estivo tepore, ad Ottobre cosa vuoi che siano un paio di buste di patatine guardando le SerieTv che finalmente sono ricominciate, a Novembre ho bisogno di cibo perchè sta arrivando il freddo e mi mette tristezza.

tumblr_n0f11yygap1tqcg6no1_500

Vuoi iniziare la dieta a Dicembre? Hai dimenticato il Natale e tutte le calorie che pranzi e cenoni in famiglia ti costringeranno ad assumere? A Gennaio mica si possono cestinare i dolciumi delle calze portate dalla Befana, non diciamo eresia.

tumblr_inline_mzo2sxasjg1rh5zog

Ovvio che, oltre mangiare meno, sarebbe carino provare a fare un pò di attività fisica per rendere il corpo tonico, ma la realtà dei fatti è che Febbraio è il mese più corto dell’anno, iniziare a mangiare meno o fingere di andare a correre a Febbraio mi sembrerebbe un’offesa bella e buona. A Marzo arriva la primavera, solo a me aumenta l’appetito e il senso di stanchezza? Aprile dolce dormire, non credo che bisogna aggiungere altro. Maggio

tumblr_mzeacyapmu1s7ub96o1_400

Porca miseria: siamo già a Maggio?
Io non sono psicologicamente pronta a tutto quello che deve accadere.

tumblr_nhykrbsymy1s7ub96o1_400

Non posso farcela.

 

Pensieri Sparsi

Totally in love with Friday ❤️


Ci ho messo un po’ a riprendere il mio trolley fuxia questa volta; ho lasciato che l’inverno, e l’influenza, vincessero per un pochino. Avevo promesso a me stessa di non trasformarmi nella mia versione invernale, l’ombra apatica e triste di me stessa…ma le promesse non sono il mio forte. Per fortuna c’è chi mi costringe a ricordarmi quanto sono diversa da questo ammasso di malumore in cui mi trasformo al comparire del primo freddo; c’è chi mi ricorda che non ci sono solo delusioni.

 Buon weekend a me…e a voi ❤️

Pensieri Sparsi

Rottamina…ma mai ferma❣


Qualche giorno fa ho rivisto una mia vecchia amica per un caffè, compagna di scuola con la quale siamo passate dai pomeriggi a studiare insieme alle prime vacanze da sole arrivando a condividere poche ore di relax nella pausa da lavoro. Non ci vedevamo da circa un anno, nonostante i soli 20 minuti in auto a dividerci, troppo prese dal tempo tiranno che scandisce il ritmo delle nostre vite. Ci siamo date appuntamento ad un bar a metà strada e candidamente [che è la parola con cui sono palesemente in fissa in questo periodo] ho ammesso di aver scelto quel posto un po’ per abitudine e un po’, un bel po’, perché ormai esco davvero molto poco. 
 Non c’era alcuna punta di autocommiserazione nelle mie parole, una nera constatazione della realtà con cui mi ero trovata faccia a faccia qualche giorno precedente quando cercando di prenotare un tavolo ad un locale solito ho scoperto che lo avessero chiuso! Cose che capitano, direte voi; la realtà dei fatti è che quel locale non era più solito da un po’ e non me ne ero neanche resa conto.

   

 Non ci sei mai qui, ci credo che non esci più così tanto…qui!
La risposta che ho ricevuto mi ha fatto sorridere mettendo tutto in una prospettiva diversa; la mia vita è qui e altrove allo stesso tempo. Il mio tutto e il mio niente si spostano costantemente con me e il mio trolley fuxia ❤️

 
Sempre via per un po’! 

Esattamente come sto facendo adesso, nonostante il dolore alla schiena che mi sta facendo allegramente impazzire e il raffreddore pronto ad insidiarmi trasformandomi in un orrido clown dal naso rosso, nonostante il mondo che va a rotoli e la paura di partire e non fare più ritorno, nonostante non riesca a non starnutire senza tenermi la schiena per non provare dolore [lo so, l’ho già detto ma soffro troppo]…nonostante tutto oggi vado via! 

Meno male che sei un piccolo rottame, altrimenti qui non ti vedremmo davvero mai!!! 

Pensieri Sparsi

On the road…again…


Sono di nuovo su un treno, un treno in ritardo, ma pur sempre un treno!Sono di nuovo in viaggio, trolley fuxia alla mano, musica nelle orecchie e caramelle gommose a tenermi compagnia.  Il sole fa timidamente capolino tra la nebbia che lo avvolge, ma poco importa! Sto andando via, di nuovo! Mi sto concedendo una nuova pausa dalla mia vita o sto semplicemente vivendo secondo le mie regole? A chi importa avere una risposta? A me no di certo! 

La verità è che questa vita è così imprevedibile che perdere anche un solo istante nel cercare di dare risposte a domande che, probabilmente, non ne hanno equivale a sprecare tempo. E noi siamo davvero sicuri di avere tutto questo tempo a nostra disposizione?  Meno male che è venerdì…e io sono via!

Pensieri Sparsi

Ciao, Agosto, ciao!


Sono sopravvissuta ai germi che mi hanno tenuta compagnia per tutto il weekend; non vorrei mai aveste pensato il contrario.  Sole, mare…e fazzolettini di carta come se non ci fosse un domani per il mio ultimo weekend del mese di Agosto [non riesco ad ammettere che potrebbe essere davvero il mio ultimo weekend estivo].

Sapevamo tutti che doveva succedere, siamo giunti alla fine del tanto atteso mese di Agosto; per quanta mi riguarda siamo giunti alla fine delle ferie [domani si fa ritorno allo studio e sarà il martedì più lunedì della storia dei martedì] ma non alla fine delle partenze; lo ammetto: questa benedetta valigia fuxia non riesco proprio a metterla via.

Agosto è finito…ed è lunedi; insomma:
Buon Tristadì a tutti.