Pensieri Sparsi

Prima o poi riuscirò a capire perché la voglia di scrivere fa capolino nella mia testa al mattino mentre sono persa tra colori e pennelli nell’impresa di rendere umano il mio viso assonnato; prima o poi riuscirò ad addomesticare i miei pensieri screanzati e testardi che cercano la loro voce nei momenti meno opportuni, riuscirò a canalizzarli nel momento giusto! Prima o poi…non stasera! Il mio brutto rapporto con la sveglia e tutta l’ansia che ne deriva sta sballando tutti i miei ritmi trasformandomi alle dieci di sera in una bambina picciosa combattuta tra la voglia di essere fagocitata dal suo bel piumone e il desiderio di scrivere, leggere, guardare serieTv e cazzeggiare sui social come se non ci fosse un domani.   

Quanto tempo ci metteranno questi nuovi ritmi a diventare i miei ritmi? Quanto tempo mi serve per riprendermi i miei spazi, per smettere di perdermi ogni giorno un pó? 

  

Il piumone mi chiama, la borsa dell’acqua calda mi brama, il cuscino invoca il mio nome…non posso farli attendere oltre.

 Buone ninne ❤️

Pensieri Sparsi

Architè!


Ci sono quelli che al primo giorno d’università si sentono medici o ingegneri…e poi ci sono io che ancora non riesco ad aggiungere la parolina magica dinanzi al mio nome!

Architetto mica è così brutta come parola?

Pensieri Random di una 15enne · Pensieri Sparsi

All American


Ammetto, con un velo di imbarazzo che mi colora il viso meglio di quanto abbia fatto la pennellata di blush questa mattina, che il crescente numerino di followers di questo spazio inizia ad inibire le mie parole, o quanto meno prova a farlo nella mie testolina. Mi spiego meglio, la mia difficoltà nel castrare pensieri e parole da spesso origine a post deliranti con tendenze acide con un dolce retrogusto adolescenziale, la caratteristica di questo mio spazio virtuale, probabilmente, è proprio quella di non avere delle caratteristiche; insomma chi inciampa nelle mie parole ha la consapevolezza di ritrovarsi in un vortice di no sense emozionale. Chi frequenta questo blog sa benissimo di non avere idea di cosa aspettarsi quando torna a farmi visita, io per prima non ho idea di cosa finirò per metterci di volta in volta. Insomma, tutte sto giro di parole inutili è per dire che, a dispetto del menefreghismo cosmico su cui avevo impostato il blog mi accorgo,sempre più spesso, di ritrovarmi a pormi una serie di domande stupide ogni volta che mi appresto a scrivere un nuovo post: ma cosa gli faccio leggere? A chi potrà mai interessare? Davvero voglio parlare ancora di questa roba?
Solitamente la risposta arriva da sola senza che io ci perda tempo a ragionare troppo: blog mio, spazio mio, deliri miei! 

welcome-to-my-world

Ho una valigia da preparare e poca voglia di ragionare sul come riempirla, la musica che riecheggia nella stanza mi ricorda, in un rumoroso promemoria, di cosa volevo parlare in questo post prima di perdermi nei meandri dei pensieri che vorticano nella mia mente: yaaay, è uscito un nuovo cd di Nick Carter! E Sti cazzi!
{non sono impazzita so perfettamente che lo state pensando in coro}

tumblr_n8qq8l1wmj1ssqxwho1_500

Il fatto che lui canti questa roba qui la dice lunga sul suo stato menale, il fatto che io trovi piacevole ascoltare questa roba là dice lunga sul mio, sulla mia voglia di leggerezza e il mio desiderio malcelato di voler restare ragazzina.
Siete ancora in tempo a fermarvi nella lettura e salvarvi da questo delirio; mi sono presa una settimana di tempo per ascoltare questa roba e leggerne i testi prima di poterne mettere nero su bianco le mie impressioni. Amo la capacità di questo uomo di riuscire a farmi tornare 15enne con la vuotezza delle sue parole e la ripetitività dei suoni che esco dalla sua bocca da troia [ops, non volevo essere scurrile ma non ci sono altre definizioni per le sue labbra].

nick-carter

11 canzoni per un cd, All American, realizzato nel tempo che io ci impiego al mattino per scegliere cosa indossare, che denota il disperato bisogno del biondino che ha rapito il mio cuore di restare forever young illudendosi di nascondere le rughe che iniziano a contornare i suoi occhi con le immagini profonde evocate dalle parole dei suoi testi.

tumblr_nxvohp6hgq1u3mr8ro1_500

Indecisa sul come impostare questa mia personalissima recensione del cd in questione, ho inviato un messaggio ad una carissima amica per chiedere consiglio sul da farsi; dopo averle inviato un pezzo di quello che avrei scritto le ho candidamente chiesto se ritenesse dovessi blaterare genericamente sulle canzoni o fare una critica puntuale di ogni brano. La sua risposta mi ha indotto alla seconda ipotesi: non odiatemi, in fondo sono solo 11 canzoni e voi potete ancora smettere di leggere.

giphy

Il cd si apre con 19 in 99, sembrano numeri messi a caso, me ne rendo conto, semplicemente 19 erano gli anni che Nick aveva nel 1999 e che vorrebbe avere nuovamente per poter tornare a giocare con i videogiochi, indossare Reebook, ascoltare 2Pac o i Nirvana, incontrare ragazze di nome Lana con un tatuaggio sulla schiena. Insomma questo poveretto ha una voglia disperata di tornare a quando poteva spendere soldi fregandosene del resto facendo il bagordo sotto la scritta Hollywood; certo adesso con il mutuo da pagare, le bollette da saldare, i figli da mandare al college mica può permettersi di sperperare quei soldi che passano direttamente dal conto delle fans al suo?

tumblr_inline_nb3x4gsfsa1s4672p1

Per restare in tema grandi problemi esistenziali di un povero cantante di una boyband, troviamo Get over me, collaborazione con Avril Lavigne ed uno dei miei pezzi preferiti del cd.
Come ogni idolo delle teenagers, Nick era solito infilarlo allegramente un po’ qua e un po’ là mentre era in giro per il mondo; come dargliene una colpa? Era giovane, ricco, famoso e in ogni angolo del mondo trovava orde di ragazze pronte a spalancare le gambe [non che adesso la situazione sia cambiata di tanto, ma questa è un’altra storia]. Infila qui, infila lì, il povero Nick deve averlo messo nel posto sbagliato più di una volta se è finito con lo scriverci addirittura una canzone sulla psicopatica di turno che, convinta di essere il grande amore della sua vita, ha iniziato a stalkerarlo con la speranza di infilargli un anello al dito solo perché è un cantante. Che vita difficile, eh? Il fatto che io riesca a dare un viso ad almeno una psicolabile a cui potrebbe essere facilmente dedicata la canzone è sintomo di quanto io sappia decisamente troppo di questo uomo e di quanto lei si sia resa tanto ridicola da divenire leggenda.

tumblr_m0hsyhnhtj1rqfhi2o1_500

Questo poveretto ha una fan stalker, non può spendere soldi come quando aveva 19 anni ma fanculo a tutti lui vive in California e tutto va alla grande perché nel suo dorato stato d’animo ha il sesso, le spiagge, gli ossessionati del silicone, i Chiwawa con i collari di diamanti, i tossicodipendenti, il traffico e la sabbia e tutte quelle cose fighissime che tutti dicono di odiare ma invece vogliono.

tumblr_lsf71fd3jn1qc8n60

Eppure, dopo l’ennesimo risveglio ancora stordito da troppo alcol della sera precedente, un tatuaggio di cui non ricorda nulla, il sapore di liquore ancora in bocca, la playstation rotta e la macchina in doppia fila completamente rigata, si è reso conto che forse era il caso di cambiare rotta seguendo la direzione del suo Second Wind. Parlare della madre psicopatica che incontra la ragazza a cui vuole mettere un anello al dito, nonostante la voce da povero folle con cui canta quelle parole, smuove un certo senso di empatia che si perde, in un battito di ciglia, nella melodia della musica e nell’immagine di lui nudo nel letto evocata poco prima.

bsb5_0

In un moto di ribellione dalle canzoni sole-cuore-amore che usualmente canta con i Backstreet Boys, decide di inserire un pezzo come Swet nella playlist. Personalmente non amo molto la musicalità del brano [che non so per quale motivo mi ricorda tanto Swine di Lady Gaga], eppure non riesco a fermare le immagini mentali che in automatico partono nella mia testolina non appena le prime note del pezzo arrivano alle mie orecchie. Saranno gli ansimi di sottofondo, il modo lascivo con cui biascica le parole consapevole dell’effetto che avranno sugli ormoni di chi da anni fantastica fissando un suo poster appeso al muro, sarà che è uno stronzo e il pensiero di come questa canzone sarà eseguita live mi fa alzare la pressione, sarà che ancora devo riprendermi da Pony, sarà che odio quello che non posso avere…ma questo pezzo mi provoca una serie di squilibri ormonali che, per preservare quel minimo di dignità che forse ancora posseggo, eviterò di descrivere in maniera dettagliata.

nick-carter-o

Il problema è che dopo aver ascoltato per 2 minuti e 42 il suo desiderio di affogare nel tuo amore, diventa davvero complicato sentirgli volere un pezzo dolce come una Cherry Pie, di voler scartare caramelle e sentire odore di sesso.

fans-self-gif-glee
Per la mia salute mentale, mio caro Carter, possiamo tornare a parlare della tua playstation rotta o dei tatuaggi sulla schiena che ami tanto? Possiamo parlare di come ti sei perso la fidanzata a Tijuana? Di come tu riesca a ricordare solo che stavate vomitando Tequila in questa tua vita loca?tina-mucho-calor

Per smorzare i miei ormoni, impazziti a metà cd fortunatamente inserisce una canzone dedicata a sua moglie e al portabagagli super dimensionato che si ritrova come fondoschiena in pieno stile All American, esattamente come la Kardashian [ti piacerebbe, aggiungo io]. Non so quanto sarei felice se mio marito affermasse: She’s super-sizing it, all American; All American, she’s like a battleship….ma chi sono io per giudicare?

e7c

Per quanto trovi questo pezzo abbastanza noioso, non posso ascoltare con dolcezza Man on the Moon; a pochi giorni dall’uscita del cd mi è arrivato un messaggio dalla mia editor severa che mi ha fatto sorridere non poco: Ma Man on the Moon è ispirata a Eclisse?
Per chi avesse letto la storia di Chris, Desy e del piccolo Christian il collegamento è stato abbastanza immediato, dopotutto a chi credevate mi fossi ispirata per il mio Chris?

12118853_10207678967722479_5634887417165228695_n

E dopo aver capito che Paolo Fox deve aver tirato un brutto scherzo al biondino del mio cuore che non vuole conoscere il suo Horoscope ed essermi tagliata le vene con I will wait, brano scelto dalla sottoscritta che, pur di non sentirlo cantare, si sveglia immediatamente al mattino, sono arrivata alla fine del cd con una voglia matta di vederlo live e di poterlo riabbracciare anche solo per un istante e tornare ragazzina felice illudendomi che sarà per sempre.

tumblr_nir0fd0wjb1qg22zjo1_500

La verità è che per quanto trovi divertente distruggere tutto quello che fa questo povero uomo, ringrazio ogni giorno per la sua iperattività e la sua incapacità di restare per più di qualche giorno di seguito con il sedere piazzato sul divano a giocare alla sua amata playstation; adoro la vuotezza dei suoi testi, la sua voglia di restare giovane per sempre che è troppo simile alla mia, la spensieratezza che canzoni del genere riescono a regalarmi anche in periodi come questo in cui sono in pausa da me stessa.

1417104766-fangirl2

Ringrazio me stessa per la mia capacità di riuscire ancora ad emozionarmi e sognare come nel 1999, anche non ho più la stessa età di allora e ringrazio il biondino dalla bocca di troia che ha rapito il mio cuore per essere rimasto lo stesso di allora.

tumblr_m5076cdp0n1qj3ir1

It makes me wanna go back in time
I know you remember me
You and I, didn’t give a damn 

Non cresceremo mai per davvero,
e non cresceremo…insieme.

 

Pensieri Random di una 15enne

#ProblemiEsistenziali


Ci sono giorni in cui i problemi della vita mettono tutto in una prospettiva diversa! Situazioni paradossali in cui non avresti mai immaginato di ritrovarti!

 
Io conosco la mia risposta [nonostante la canotta bianca a cui mancava solo la macchia di sugo].

Pensieri Sparsi

Le domeniche a casa sono lente.


La domenica è uno di quei giorni in cui, soprattutto se sono a casa, mi sveglio già stanca; mi rigiro nel letto cercando il coraggio di abbandonarlo, mi lascio avvolgere dalle lenzuola come un caldo abbraccio, mi lascio coccolare dalla morbidezza dei cuscini abbandonandomi alla pigrizia che, lentamente, mi porge il suo buongiorno.

È uno di quei giorni in cui i pensieri scorrono lenti ed i movimenti ancor di più, uno di quei giorni in cui passo dal pigiama alla tuta, dal letto al divano…e poi, semplicemente, al contrario.

Uno di quei giorni in cui leggo, scrivo e inebetisco i neuroni tra serie Tv da recuperare e i programmi trash di Real Time [come fate a perdervi le trashate del Boss delle Cerimonie?].
Uno di quei giorni in cui, se sono a casa, resto un po’ spenta; aggiorno facebook senza leggere davvero cosa viene postato, rispondo ai messaggi con la velocità di un bradipo, ignoro gli stimoli fastidiosi.

E’ uno di quei giorni in cui faccio colazione col pranzo, merenda con le patatine e cena con la pizza senza sentirmi in colpa perché, in fondo, domani è lunedì e, sono certa che nessuno oserà obiettare, oggi posso concedermi di coccolarmi un pò.

Le domeniche a casa sono lente…ed io ancor di più.

Pensieri Sparsi

Guardarsi indietro fa bene!


Non ho idea del perché io sia finita sul tuo profilo Facebook, probabilmente, in questi giorni di confusione emotiva in cui il pulsante rabbia della mia mente deve essersi bloccato, avevo bisogno di ricordarmi quale fosse stato il punto di svolta della mia vita.Forse era solo semplice curiosità, sapere che fine avessi fatto Tu, sapere come era andata avanti la tua vita senza me…chiedermi se di quella vita avrei voluto farne ancora parte.

Si dice che il miglior modo per andare avanti sia non voltarsi mai indietro: stronzate!
Stamane mentre mi maledicevo me stessa per non essermi ricordata di aver cambiato telefono e aver provveduto, di conseguenza, a silenziare le notifiche domenicali e imprecavo contro chi di domenica mattina scrive su whatsapp invece di dormire, mi sono concessa di guardare indietro.

Mi sono concessa di immaginare che quel giorno di ormai tanto tempo fa le cose fossero andate diversamente, che tutte le volte successive siano andate in modo diverso, che di colpo non mi sia trovata a dover pensare ad una me 2.0, una me senza te. Mi sono immaginata ad ascoltare musica di merda solo per compiacere te e i tuoi stupidi amici, a ridere al suono di battute che non mi hanno mai fatto ridere, a visitare i luoghi che avresti voluto tu, a recitare la parte della ragazzina perfetta e viziata che riempivi di regali, ad essere l’unico puntino rosa in un ammasso di nero informe!

Ho osservato le tue foto, i tuoi post idioti su Facebook, i commenti dementi della gente che frequenti e ho capito che guardare indietro era la cosa migliore che io potessi fare starmene!
Mentre scrivo questo post ascolto delle lagnose canzoni dei Backstreet Boys e sorrido  pensando al futuro, sorrido pensando a tutte le cose che ho fatto da quel giorno in cui credevo di aver perso il mio mondo, quel giorno in cui pensavo di aver perso me.

Sorrido pensando ai traguardi che ho raggiunto, ai sogni che ho realizzato, ai posti che ho visitato, alle persone che ho incontrato. Sorrido alla forza che ho trovato in me stessa, al coraggio di cambiare e ripartire da zero. Sorrido all’immagine sbiadita che stamane si era materializzata nella mia mente e al senso di oppressione che l’aveva accompagnata; sorrido a tutto quello che poteva essere e che, per fortuna, non è stato.

Sorrido alla gabbia dorata che ho intravisto stamane…
 …sorrido perché ne sono fuori.

Pensieri Random di una 15enne · Pensieri Sparsi

Blogger del martedi.


Quando ho aperto questo blog, poco più di sei mesi fa, non avevo ben chiaro di cosa avrei parlato, ogni quanto avrei postato, se qualcuno mi avesse letto o la metodologia con cui avrei arricchito questo spazio virtuale di contenuti; a voler essere onesti, non avevo immaginato sarebbe durato così tanto, quindi, perché pormi tante domande nella stesura del primo post?Pensieri Sparsi di una Psicopatica mi era sembrato il nome perfetto per un contenitore di deliri privi di connessione da una qualsivoglia parvenza logica; una sorta di giustificazione preliminare per quello che questo blog sarebbe potuto diventare:
– una sorta di BatCaverna emotiva per i pensieri acidi e contorti delle giornate costellate di cattivo umore;
– il salotto nascosto di Barbara D’Urso, luogo ideale per frignare nei momenti di solitudine;
– la tela astratta di un pittore cieco, un miscuglio informe di parole e colori, forme e pensieri che si rincorrono in loop senza trovare una giusta collocazione;
– il palcoscenico dei miei dissapori con la vita, le mie faide con le emozioni, le mie lotte interiori;
– il rifugio segreto della me adolescenziale che di crescere proprio non ne vuole sapere, la me nerd e sognatrice che sogna di vivere in una serieTv e di sposare un Backstreet Boys.Non so bene cosa sia diventato questo spazio, probabilmente un bellissimo [non mi piace fingere modestia] mix di tutto ciò che sarebbe potuto diventare; il connubio perfetto tra ironia e tristezza, tra malinconia e sarcasmo, tra leggerezza e introspezione.Non avevo programmato di avere una cadenza, eppure, dando un’occhiata ai post passati, mi accorgo di aver acquisito una certa consuetudine nell’elaborazione di quello che scrivo:
– i post lamentosi del lunedì [lo odio, lo odio e lo odio…e amo dirlo];
– i post deliranti da bimbominchia del martedì;
– i post ben auguranti del venerdì, tendenzialmente scritti quando sono in treno;
– i post da fine settimana del sabato;
– i post riflessivi della domenica.Sono abitudinaria, non posso farmene una colpa; questo vi salverà da un post lagnoso sull’incapacità del genere umano di capire quando è concesso loro parlare e quando il diritto di parola dovrebbe essere considerato illegittimo.
È martedì e, nonostante la vita reale tende a ricordarmi il contrario, adoro svegliarmi nel mio mood adolescenziale; zittire la sveglia e controllare i messaggi su whatsapp ancor prima di capire che un nuovo giorno è iniziato.

Il martedì mattina lui balla, il mondo si ferma e i miei feelings esplodono.
E’ il momento della settimana in cui desidero avere 15 anni di nuovo, per poi ricordarmi che a 30 non devo chiedere il permesso a nessuno per prendere aerei e comprare i miei momenti di felicità. E’ il momento della settimana in cui mi sento depressa perché mi manca, sciocca perché lo amo [per quanto si possa amare un sogno, giuro che non sono pazza del tutto] e felice perché, nonostante l’agenda piena di impegni rognosi, riesco ancora a sorridere e provare emozioni con la stessa genuina semplicità di 15 anni fa.

Buon martedì.