Pensieri Sparsi

Una giornata al mare! ☀️


“Gianluca! Gianluca, vieni qui un istante! Gianluca! Gianluca, vieni qui!”
Gianluca ci ha messo circa dieci minuti per venire un attimo qui e, come un disco incantato, per circa lo stesso lasso di tempo, se non qualcosa in più, la nonna ha continuato a ripetere [urlare rende meglio l’idea del disagio del momento] il suo nome; una volta arrivato ha iniziato a frignare perché giustamente avevo abbandonare il mare per ascoltare che “all’una arriva Marianna e quindi non possiamo prendere la navetta per tornare a casa. E visto che sei qui: esci dall’acqua che ti devi asciugare.” Il punto della questione è che Gianluca dall’acqua non aveva alcuna intenzione di uscire e, sinceramente parlando, le mie orecchie non avevano alcuna voglia di ascoltare tutta la lagnosa questione ma, a quanto pare, non avevo scelta alcuna.

Ricky, invece, piange perché vuole gli orsetti gommosi, ma di certo non può mangiare tutta la bustina della Haribo; piange perché ha scelto un ghiacciolo a Coca Cola ma poi si è accorto che non è quello che voleva e quindi ne avrebbe voluto uno nuovo; piange perché è ora del riposino ma lui di dormire non ne ha voglia nonostante abbia con se il suo leoncino di peluche. Ricky rifiuta il ciuccio e frigna per ogni sillaba che esce dalla bocca del padre.

C’è poi la figlia della signora Maria che, dopo una settimana di vacanza in Sardegna, si annoia a disfare e rifare le valigie per affrontare un’altra settimana di vacanza; la vecchia signora dal costume bianco e gli orecchini da discoteca, invece, è stanca di andare sempre allo stesso locale: la noia, si sa, dopo un po’ diviene una brutta bestia.

E poi ci sono io che, mentre continuo a spruzzarmi acqua abbronzante all’essenza di cocco nella speranza di prendere un po’ di colore, non riesco a smettere di domandarmi se sia in spiaggia o sia finita in una filiare all’aperto di Kiko perché tutta sta gente truccata e i loro improbabili rossetti rossi un po’ sbavati dal caldo e dal sudore diversamente non me la riesco proprio a spiegare.

Senza trucco e con i capelli sfatti: non sarò mai una fashion blogger.