Pensieri Sparsi

Una storia vecchia 100 anni!


Avevo 15 anni quando la ragazzina della casa di fianco è divenuta la mia migliore amica, era stato suo padre a presentarci dopo aver ascoltato per l’ennesima mattina la musica che ad alto volume rimbombava dalla mia stanzetta.
“A mia figlia piace Nick, ha visto i poster appesi alla tua stanza. Potreste diventare amiche.”
Era stato proprio quel particolare ad unirci come sorelle, a 15 anni basta poco per scambiarsi promesse di amicizie eterne…eppure a me quelle promesse non sono mai piaciute.
“Saremo amiche per sempre. Nulla potrà mai dividerci. Ci sarò sempre per te.”

tumblr_m2zoz00k7j1qfqzs8o1_500

Erano stati i ragazzi col tempo ad allontanarci, così come in maniera platonica ci avevano unito. Era stata lei a baciare il ragazzino per cui avevo una cotta stratosferica, io quella brava a mettersi da parte fingendo una maturità che non avevo. Era stata lei ad essere usata dal ragazzino pazzo di me per farmi ingelosire, io quella che gliel’aveva resa facile mettendo in chiaro che non piace quando la storia si ripete. Era un periodo diverso quello, quando a scandire lo scorrere del tempo non era il susseguirsi delle stagioni ma il succedersi delle cotte adolescenziali, dei colori dei capelli e la larghezza dei jeans che variava a seconda della moda e non del peso; quando tutto sembrava più semplice e più difficile allo stesso tempo, quando inizi a sentire di non essere più una ragazzina ma tutto il tuo mondo continua essere racchiuso nelle sicurezze di quando ti sentivi tale.

forever-friends-favim-com-239916

Eravamo noi con il nostro equilibrio precario, noi con il nostro rapporto unico e indissolubile, noi con il nostro sogno di incontrare Nick Carter e farlo innamorare di noi, noi con le nostre vite che iniziavano a diventare sempre più quelle di due piccole donne. Non era bastato il suo trasferimento a chilometri lontani a cambiare quel noi a cui eravamo tanto legate; c’ero con la mia prima storia seria, lei con l’amore incontrato in treno mentre mi raggiungeva per il mio diciottesimo compleanno.
Un equilibrio precario che si sarebbe rotto molto presto!

tumblr_mlo63u13vr1sojuopo1_500

Ero una ragazzina quando la mia storia importante si è eclissata facendomi provare sensazioni che mai avrei immaginato di essere in grado di sentire; è stato in quel preciso momento in cui ho avuto bisogno di credere in quelle promesse con cui per anni mi era stata riempita la testa.
Ci sarò sempre per te.
Avevo voluto crederci e, dispersa in una valle di lacrime manco mi si fosse rotta una diga nel dotto lacrimale, avevo chiamato lei convinta ci sarebbe stata per me. Lo aveva promesso. Era bastata una sola frase a farmi capire che erano state solo parole quelle con cui mi aveva incasinato la testa; non erano stati i chilometri a dividerci ma l’uomo perfetto che aveva di fianco e che lentamente aveva preso il mio posto nella sua vita rendendo vane le sue promesse. Non aveva tempo per ascoltare quanto stessi male, non aveva empatia per comprendere il mio dolore, non aveva interesse a tenere fede a quelle promesse adesso che quelle promesse richiedevano l’impegno che da sempre avevano custodito in esse.

large

La verità è che quando un’amica trova un nuovo uomo, inesorabilmente, quelle promesse che aleggiavano nella bolla di sapone in cui vi eravate rifuggiate diventano effimere. Non è cattiveria, per carità, oserei dire che è uno strano fenomeno dell’evoluzione della specie umana che forse qualche seguace di Darwin potrebbe prendersi la briga di esaminare perché, e di questo ne sono certa, il caro vecchio Charles non se n’è occupato semplicemente per mancanza di tempo.
In fin dei conti, mica poteva fare tutto lui?

tumblr_mwdm70mvil1qkdabno1_500

Nella mia visione utopistica dell’argomento: amicizia e amore non sono assolutamente in competizione. Ci tengo a precisare la mia posizione a riguardo, insomma al di là dei dettagli pratici [e aggiungerei con tutta la malizia del caso: fisici] che rendono i due rapporti differenti, credo che ogni essere umano, uomo o donna, dovrebbe essere in grado di far convivere questi due aspetti fondamentali della vita senza alcun tipo di sforzo.
Insomma in una giornata ci sono abbastanza ore per dedicarsi a tutto, non trovate? Bisogna davvero fare pulizia per dare spazio a quel qualcosa di meraviglioso che sta nascendo? Non dovrebbe essere quello il momento in cui si ha più bisogno dell’amica fidata? E non solo per lagnarsi delle mancanze del povero malcapitato di turno, ma per condividere insieme quelle emozioni che stanno nascendo, per cullarsi nelle vecchie abitudini facendo pian pianino spazio alle nuove, per lasciarsi rassicurare per quelle stupide paure che solo un’amica che ti conosce da una vita può definire sciocche ed inutili.
Non è questo il momento in cui, forse proprio per paura, si tiene più stretta la mano di chi ci è sempre stato? Non è questo il momento in cui quelle promesse fatte in un momento di solitudine dovrebbero diventare qualcosa di reale? Buuuuuh [uhmm, non mi venivano in mente suoni assimilabili a quelli di una risposta sbagliata, accontentatevi].

friendship-gif

Ricerche scientifiche affermano che nulla di quanto sopra affermato potrebbe essere più sbagliato, anche senza alcun suono a sottolinearne la drammaticità. Non sono imparentata al caro vecchio Charles, ma un po’ di evoluzione ve la posso spiegare anche io.
Per prima cosa, bisogna smentire tutto il discorso relativo alla lunghezza delle 24h di una giornata; non raccontiamoci eresie, per favore, quando un uomo entra a far parte dell’universo della vostra amica si crea un vortice spazio temporale che altera il susseguirsi dei minuti e delle ore, saltando tutta la parte relativa agli algoritmi che definiscono questa strana mutazione si potrebbe semplificare l’intera faccenda con un gigantesco: non ho tempo/non ho avuto tempo.

a91699d4a672b42c74a7a20be27b1e4a

E’ una questione di sfumature, ed ancora una volta non sono le 50 di Christian Grey, pian piano il vortice spazio temporale modificherà tutte quelle piccole certezze e/o abitudini di cui si nutriva quell’amicizia che sembrava indissolubile.
Pian piano iniziano a sparire tutte quelle accortezze che erano rivolte a te, quelle gentilezze educate e anche un po’ inquietanti come il buongiorno che arrivava un minuto dopo il suono della tua sveglia, quella certezza di avere sempre qualcuno dall’altra parte del telefono pronto ad ascoltarti, quelle piccole attenzioni fatte di gesti abitudinari che pian piano scompariranno susseguiti da bugie bianche pronte a riempire quelle mancanze che diverranno lentamente voragini ponendoti in una prospettiva completamente diversa da cui osservare il tutto.
E a quel punto non serve il caro vecchio Charles per capire che le cose cambiano solo quando si decide che è arrivato il momento di farle cambiare, quando si è deciso di farsi scivolare una persona tra le dita come sabbia al vento, quando i nodi vengono al pettine e tutto diviene effimero…proprio come quelle promesse a cui non credi più.

gif-bye-goodbye-im-out-see-ya-gif

Il povero malcapitato di turno non ha colpa alcuna, di questo bisogna prenderne coscienza prima di chiamare Will Smith e la sua squadra di Men in Black per disintegrare l’alieno e sparaflashare la perfetta sconosciuta che un tempo eravate solite chiamare amica; semplicemente per una strana legge dell’evoluzione che non saprei spiegarvi la vostra presenza non è più così indispensabile quanto poteva esserlo prima di quel cambiamento non richiesto.
Quelle da sparaflashare probabilmente a questo punto siete proprio voi perché rendersi conto di essere stata una sorta di surrogato per sopperire la mancanza di altro probabilmente potrebbe urtare la vostra sensibilità.

623060-6-1443123487

Per quanto mi riguarda credevo di aver imparato la lezione da ragazzina, in fin dei conti, quando a 19 anni ti ritrovi da sola con un pugno di parole vuote ti rendi conto di avere dentro una forza che non conoscevi e che quelle promesse vuote sono solo chiacchiere fatte per essere trasportate via dal vento; mi sbagliavo sulla mia capacità di apprendere dalle lezioni della vita. Sono passati anni, si sono susseguite promesse vuote, delusioni e prese di coscienza…eppure sto ancora imparando.

tumblr_mjjoilkz2k1ri24bso1_500

Nessuna amica è stata maltrattata per la stesura di tale post.

Annunci

26 thoughts on “Una storia vecchia 100 anni!

  1. Cade a pennello questo post, sto attraversando proprio ora questo periodo e nonostante lei mi abbia più volte ripetuto che il mio spazio non me lo avrebbe tolto, sta facendo proprio l’opposto. La cosa che forse mi da più noia è che mi manda le foto con lui mentre sono fuori e mi ripete: “dovremmo uscire insieme, te lo farò conoscere e ti farò conoscere qualche suo amico”. Come se fossi disperata, l’amica senza uno straccio di fidanzato che passa le giornate a fare cose troppo nerd per i suoi gusti. Beh insomma ci siamo capite…

    Liked by 2 people

  2. Semplicemente per te “non è avvenuta l’evoluzione” 😓 che poi in realtà il “te lo presento, ti presento qlk amico” è anche un atto di gentilezza…in passato mi è capitato il “non ti presento i suoi amici perché sono troppo immaturo e io ci tengo a te”….peccato che il tutto implicava serate a casa da sola per me

    Liked by 1 persona

  3. Ho come la sensazione che arriverà a dirmi così anche a me… vabbè affogherò la mia solitudine dentro un centinaio o forse più serie tv e film ahahahahhahaha

    Mi piace

  4. Si. Ero, infatti un po’ mi ha destabilizzato… Però ho pensato, magari è un’altra boyband.. È strano ma io non ho avuto idoli nell’adolescenza.. Quindi mi hai fregato!!

    Mi piace

  5. Post che capita a pennello . Sono d’accordo.Appena in corso una delusione di quelle inaspettate . Credo che non bisogna sempre dare a prescindere . Credo nel classico dare e avere . Fin’ora però non ho ricevuto un piffero . Sto imparando . Mi rendo conto però che le buone amiche ( come sono io ) esistono . È solo che non ci si trovano . 😉

    Liked by 1 persona

  6. Sono d’accordo, magari si era fatte per essere una la persona dell’altra in un determinato momento delle nostre vite. Poi si cresce, si cambia, si fanno esperienze diverse e talvolta si finisce per non avere più niente in comune

    Mi piace

  7. Quando un uomo entra nella vita di una donna la sconvolge; qualche strana legge della fisica fa sì che lui diventi il centro dell’universo. Tutto è in funzione di lui, lui viene prima di tutto.
    La donna arriva ad annullarsi per l’uomo.. Anni e anni di femminismo buttati al vento. Che incantesimo ci faranno mai per rincoglionirci a tal punto? Uno potente, immagino.
    Non voglio giustificare l’amica che trova un uomo, ma voglio spezzare una lancia in suo favore: anche per lei non è facile, deve trovare un nuovo equilibrio nella sua vita; a volte ha successo, ma il più delle volte non ci riesce e chi ci rimette è sempre l’amica.
    Lascia spazio alla tua amica, dalle il tempo di ristabilire i suoi equlibri; se l’amicizia è salda, si renderà conto che meriti ancora un posto in questa sua nuova vita e farà spazio per te.

    Mi piace

  8. Perchè non avete seguito la procedura giusta. Dopo la promessa di essere amiche per sempre. Dovevate pungervi il polpastrello dell’indice o tagliarvi l’interno del polso, prendere una ciotola di latte, versarvi dentro diverse gocce del vostro sangue e poi bere il tutto. Solo così sareste diventate amiche o sorelle di sangue. Da questo rito sono escluse le anemiche.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...