Pensieri Sparsi

L’ardua scelta dell’albero di Natale


Oh oh oh, Merry Christmas!
Indossate il vostro cappellino nataloso, riesumate Micheal Bublè dal vostro iPod, chiudete gli occhi ed inspirate a pieni polmoni l’aria natalizia che si è sprigionata intorno a voi!

tumblr_ng8vr70fdw1sial0xo1_500

Benvenuti nel periodo dell’anno che amo di più, ovviamente sempre dopo l’estate ma non c’era bisogno di sottolinearlo. Rientro nella categoria di persone che, tornata dalle vacanze estive, si reca al centro commerciale e, nonostante i rimasugli di costumi da bagno ancora in saldo, si guarda intorno ed esclama: “Lo sentite il Natale che sta arrivando? È già nell’aria.” Poco importa se puntualmente oltre al sentirmi dare della pazza mi tocca subirmi l’elenco dei mesi che ancora ci separano dal 24 dicembre e, peggio ancora, di tutte le festività che anticipano il Natale; a poco serve spiegare che il calendario lo conosco ma semplicemente me ne frego di tutto ciò che intercorre tra i mesi estivi e il Natale. Lo so, scelgo sempre concetti troppo difficoltosi da recepire.

tumblr_nh3pq8g7yl1u4pprvo1_500

Bando alle ciance, siamo arrivati in quel momento dell’anno in cui Facebook si riempie di foto di alberi di Natale e di link contro chi posta foto del proprio albero di Natale, di post gente che inveisce contro l’uvetta che si finge cioccolato nei panettoni e di gente che si lagna perché anche quest’anno il portafogli si è svuotato a forza di comprare regali di Natale senza riceverne di decenti in cambio. Iniziano i post contro l’anno passato e gli scongiuri verso quello pronto a venire, le battute squallide legate all’edizione S dell’anno precedente pronta a solarci non appena ci distraiamo un attimo, all’imprevedibilità della serata di Capodanno e ai pinguini che arriveranno a farci compagnia.

yutt80u

Personalmente faccio parte della prima categoria, quella che anno dopo anno fotografa il suo bellissimo anno di Natale e, con un moto di orgoglio, si compiace di quanto sia stata brava per l’ennesimo anno a decorarlo esattamente come l’anno precedente e, giuro, di non farlo di proposito, semplicemente ogni decorazione trova il suo posto ideale e, di certo, non è colpa mia se il suo posto ideale puntualmente è sempre lo stesso.

anigif_enhanced-19654-1419539751-13

Ma non perdiamo il punto della questione: stufa già da un po’ del solito albero, divenuto lievemente spennacchiotto dopo anni di onorato servizio, finite le scorse feste di Natale, invece di riporlo al suo solito posto, gli ho detto addio con il solo scopo di evitare di ritrovarmi vittima, anche questo Natale, della stessa pignoleria che mi aveva costretto, lo scorso anno, ad abbandonare l’idea di acquistarne uno nuovo.  Siamo al 7 Dicembre ed, ovviamente, non mi ero ancora posta il problema: dove metto le mie bellissime decorazioni natalose quest’anno?
E’ partita, quindi, la ricerca dell’albero perfetto.

tumblr_mx4xpifg581re36eao1_500

L’acquisto di un nuovo albero di Natale è una roba seria, non può essere presa sotto gamba.
Scartata l’idea di comprare un abete vero, ed essermi fatta odiare dall’omino del vivaio per aver analizzato con fare scientifico tutti gli alberelli che voleva affibbiarmi, ho optato per il classico albero finto; la motivazione è semplice e banale: il 99% degli abeti che volevano vendermi erano privi di radici, quindi impossibili da piantare in giardino finito il periodo natalizio; il 99% degli abeti erano bassi, grassocci e ben lontani dalla mia idea di albero perfetto.

tumblr_md2xu2yrd01r1mtsdo1_500

Sono, quindi, tornata all’idea originaria di acquistare un albero finto. Lo ammetto, cercare un albero perfetto e affermare di non avere molte pretese è mentire con la consapevolezza di farlo; per un’adoratrice del Natale come me, trovare l’albero giusto è come cercare l’anima gemella, non ci si può accontentare del primo spennacchiotto che ci si para dinanzi nella sua veste pomposa fatta di pigne farlocche, bisogna pazientare, continuare a cercare senza smettere di credere che quello giusto per noi esista e non costi un occhio della testa.

giphy1

Sul concetto di pazienza devo ancora lavorarci, ma, esattamente come l’amore, quando meno te lo aspetti, quando ormai non ci credevi più, arriva lui: l’albero perfetto…o quasi [non sono una che si accontenta facilmente]. Me lo ha venduto un tizio che sembrava Oliver Queen disperso sull’isola Lian Yu, è alto solo 2,10 m ma me lo faccio bastare, è verde e cicciotto…e decorato sarà bellissimo.

tumblr_mwgtgk9f3l1r4friso1_500

♥ It’s Christmas Time again ♥

 

Annunci

11 thoughts on “L’ardua scelta dell’albero di Natale

  1. Io lo scorso anno ho preso tutto a pezzi, quando l’ho tirato fuori per farlo ho realizzato che le lucine si erano fulminate, allora vai a comprare altre lucine.
    Poi me le ha date di un colore sbagliato rispetto a quello che usavo di solito, torno e non ne aveva più del tipo che volevo io, allora mi tengo il colore, ma devo cambiare decorazioni perchè le vecchie non ci stanno più bene, un parto!

    Liked by 1 persona

  2. Non sei la sola cara ad essere affetta dalla spasmodica voglia di Natale già a fine agosto!! 😄 Io adoro questo periodo soprattutto perché ogni stanza della casa con tutte le lucine e le decorazioni grida “Merry Christmas!” 😍😍❤
    P.s. se sei curiosa di vedere il mio albero passa dal mio blog (https://bennyinwonderland.wordpress.com), mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi! 😙

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...