Pensieri Sparsi

Shhh…e voi che ne pensate?


Non volevo usare questo blog come spazio per i miei sfoghi gratuiti e petulanti, ma diciamo pure che questo più che un post di sfogo è uno di quei monologhi in cui tiri fuori delle cose e chiedi a chi legge:
Hey tu, sconosciuto di passaggio o lettore assiduo dei miei deliri, proprio tu, cosa ne pensi? Come reagiresti? Cosa mi consiglieresti?
Perché la verità è che ci sono momenti in cui un perfetto sconosciuto può essere molto più obiettivo nel fornirti un’opinione, molto più distaccato e brutale nell’esprimere il proprio pensiero sull’argomento.
Fatta la premessa, siete ancora in tempo a smettere di leggere se non interessati o siete invitati a dirmi cosa ne pensate.

Sono una persona che odia i silenzi, li riempie con mille e più parole, una di quelle con cui a telefono ci resti per delle ore intere passando da argomenti impegnativi alle cazzate più svariate, una di quelle che ascolta tutto ciò che le viene detto e, a modo suo, lo ricorda.
Capirete, da questa breve descrizione, che trovi estremamente irritante accorgermi di parlare a vuoto, rendermi conto che le mie parole evidentemente se le porta via il vento perché, puntualmente ormai, dall’altra parte ho evidentemente un interlocutore sordo.

Mi domando, quindi, e rigiro la domanda voi: che senso ha parlare ancora? Non sarebbe meglio risparmiare fiato? Oh si, la risposta è: da oggi in poi sto in silenzio, tanto è uguale.

Sto in silenzio, ma divento sorda pure io.

Annunci

40 thoughts on “Shhh…e voi che ne pensate?

  1. No,alla fine la gente volente o nolente ascolta comunque. L’importante è scegliere il proprio interlocutore.
    Sono d’accordo col fatto che gli sconosciuti a volte possono darti un’opinione molto più obiettiva e fredda rispetto a quella che amici e conoscenti potrebbero darti 🙂

    Liked by 1 persona

  2. Guarda, anche io ho usato il mio blog per chiedere aiuto, quindi cercherò di darne a te, anche se non sono sicura di esserne in grado.
    Io sono una persona che, sul serio, parla solo quando è necessario, però capisco che ti infastidisca quando le persone non ascoltano, perché a me succede spesso.
    Il mio consiglio è quello di non diventare sorda anche tu, perché ascoltare quello che la gente ha da dire è sempre comodo, e, come si dice, sii superiore.
    Sarà un discorso stupido, ma è sempre meglio essere corretti, piuttosto che lasciarsi prendere dalla rabbia.
    Prima o poi inizieranno ad ascoltarti, e probabilmente si pentiranno di non averlo fatto prima.
    Un saluto 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Grazie per il commento e per il consiglio.
    E’ che alla fine mi lascia addosso ogni volta un senso di stupidità assurda questa cosa, trovo ingiusto un atteggiamento del genere da parte di chi dovrebbe ascoltarmi più di tutto…forse è un senso di stanchezza che semplicemente nutro ogni volta di più quando accadono episodi simili…ma oggi non riesco a sentirmi superiore, oggi preferisco prendere le distanze.
    Magari passa la rabbia e riesco a darti ragione ❤ ma grazie davvero

    Liked by 1 persona

  4. Lo capisco, prova solo a respirare.
    E comunque, molte volte questo ti fa capire più cose sulle persone che hai davanti.
    Fai ciò che credi più giusto per te e che ti farà stare meglio con te stessa!
    È stato un piacere comunque 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Ciao. Molto dipende da chi intendi per interlocutore. Se si tratta di un amico/a valuta se vale la pena perderci tempo. Meglio perdere per strada certe persone che tenerle, fanno più da zavorra che altro. Vale il detto “pochi ma buoni”.
    Idem in amore, anzi a maggior ragione. Tenersi accanto una persona che non ti ascolta vuol dire che il suo cuore non è aperto a capirti.
    Prova a vedere se il tuo silenzio sortisce qualche effetto. Chi ti vuol bene capirà il messaggio.

    Liked by 1 persona

  6. Io lo chiamo “silenzi densi”. Sono quelli dentro i quali le parole arrancano come in un liquido viscoso.
    Quello spessi, quelli che difficilmente rompi. E sapessi di quante parole provo a riempirli io. Fiumi e fiumi. Perché parlare? Perché in quei momenti la coscienza prende forma. Peccato per l’interlocutore se non lo sa capire…

    Mi piace

  7. Se la persona in questione ti è accanto da lungo tempo, forse non è cresciuta abbastanza per proseguire un colloquio soddisfacente per entrambi. Magari tu invece sei cresciuta tantissimo, coltivato tanti interessi, alimentato la tua curiosità, sempre alla ricerca di risposte, ecco perchè hai tanto da dire. Ti rinnovi di continuo. Mentre l’altro (o l’altra) si è adagiato, non ha gli stessi stimoli, oppure ha preso un percorso diverso in cui le parole sono superflue, oppure non interessanti dal suo punto di vista. Capita. Comunque sia, la scrittura è un’ottima valvola di sfogo quando si ha tanto da dire, e nessun orecchio disposto ad ascoltare… nel web, le parole navigano all’infinito, qualcuno che le ascolta c’è sempre. Anche se tu non lo saprai mai 🙂

    Liked by 1 persona

  8. Ti do il mio parere e ti faccio una piccola premessa. Sono stato da sempre un grosso ascoltatore e al tempo stesso poco chiacchierone. Mi piace parlare poco e ascoltare molto. Sono un uomo.
    Detto questo ti posso dire che in base al tema della discussione, all’umore e agli eventuali impegni da fare, in base all’orario e all’importanza che ti da l’interlocutore, dopo un tot di minuti la mia concentrazione telefonica cala drasticamente.. secondo me non si dovrebbero superare certi limiti, limiti definiti in base alla persona con cui parli .. amicizia normale al massimo mezz’ora, persona interessante o amicizia forte, oltre l’ora diventa pericoloso e si perdono colpi 🙂 Ripeto parlo per esperienza personale e da uomo!

    Liked by 1 persona

  9. “Ascolto tutto e a modo mio lo ricordo”. Questo perché tu evidentemente sei una persona a cui piace stare fra la gente (sebbene ognuno ogni tanto abbia bisogno del proprio momento di solitudine), una persona che attribuisce importanza a chi le racconta qualcosa e lo ricorda proprio perché a quel qualcuno viene dato spessore. Non tutti sono così. Ci sono le persone egocentriche che dando parecchia importanza a se stessi pensano di darne agli altri ma in realtà non ascoltano perché non sono cose loro, che di certo hanno più rilevanza delle tue, ma tu servi, per sfogare se stessi. Alcuni ti vogliono bene eh, ma è loro modo di essere e passa il contrario; poi ci sono i genitori beh… quelli in realtà ascoltano, solo che molti pensano che sono fasi giovanili (già vissute da loro) e non riescono ad uscire dal ruolo genitoriale per pensare che, anche se così fosse, per te che vuoi ascolto in quel momento, è la prima volta.

    Per quanto possa valere la mia opinione, se sei fatta così come dicevo all’inizio, non smetterai di ascoltare ed il tuo smettere di farlo durerà pochissimo.

    E poi questo è il tuo blog e se ti va di scriverci post su post di sfoghi, puoi farlo benissimo, chi non ha voglia di leggere può sempre chiudere la pagina e navigare altrove.

    Un bacio!

    Mi piace

  10. parlare ascoltare ognuno di noi ha una vocazione, c’è chi ha bisogno di dire di esprimere e chi sa ascoltare, ascolta ascolta e tu parli parli e ti sembra che chi ascolta ti risponda ed invece sei tu che ti rispondi da solo e poi alla fine ringrazi chi ti ha ascoltato. quindi se sei una persona che deve esprimersi fallo senza indugiare troverai chi saprà ascoltare

    Liked by 1 persona

  11. Niente è per caso.
    Sto finendo di scrivere un articolo con tematiche simili. Può darsi risponda meglio di quanto farò adesso.
    I sordi sono spesso anche muti, perchè non odono le loro parole, quindi ….parla, grida, urla, scrivi, non smettere mai di usare le risorse a disposizione.
    Riuscire a selezionare gli interlocutori non sarebbe male. Se ciò non fosse possibile, magari fai domande. Le domande aiutano a crescere….. potrebbe funzionare con gli interlocutori. sarebbero obbligati a parlare….e quindi….. parleresti meno !

    Liked by 1 persona

  12. il mio problema è la sensazione di stupidità che mi lascia il rendermi conto che le mie parole sono state rubate dal vento…per il resto hai perfettamente ragione, sono brava a rispondermi da sola spesse volte da sola.
    Spero di trovare davvero chi si fermerà ad ascoltare. Grazie

    Liked by 1 persona

  13. Hai colto a pieno il punto, il mio problema è che davvero provo a ricordare tutto ciò che mi viene detto, provo a dare importanza alle parole che mi vengono dette, provo a fare attenzione…quando poi non accade con me finisco per sentirmi stupida ancor prima che ferita =/
    Grazie del tuo commento e per avermi dedicato del tempo.

    Liked by 1 persona

  14. sulle tempistiche delle parole ti do ragione assolutamente, il problema reale è che il mio interlocutore, in questo caso, dovrebbe prestare attenzione almeno per 10 minutini, non di più.
    verissimo anche che noi donne riusciamo a parlare/ascoltare molto di più 😉

    Liked by 1 persona

  15. ahaahahah per un momento mentre leggevo velocemente il caos delle tue parole…. mi sono rispecchiata… un po’ di anni fa anche io ero così…
    oggi in realtà tra lavoro, casa e bambini.. non ho mica più il tempo per farmi molte pippe.. stare ore infinite al cel a parlare di tutto e di più.. e quando sembra che la telefonata stia finendo….. a ma sai.. ti ricordi… e prosegue per ore… oggi poche parole.. oggi poco tempo…. offi poco fiato…molte riflessione….
    ma sempre tanta voglia di leggere

    Liked by 1 persona

  16. E’ complesso il tentativo di dare una risposta alle tue domande, anzi più che una risposta io credo sia una “considerazione”, un appunto condiviso o meno che sia.

    Nel mio caso io scrivo più o meno in due blog: in uno ci rovescio dentro poesie e qualche fotografia che sono state o sono i puntelli della mia vita attuale, da qualche mese a questa parte. Per queste mi aspetto dei commenti e delle critiche ma rimangono fini a sé stesse in quanto applicati alle cose che pubblico.

    Nell’altro ci butto dentro i miei pensieri, riflessioni, preoccupazioni e altro. Ma in questo caso non mi aspetto commenti e meno che mai risposte, se ci sono mi fa piacere ma io amo i monologhi e, presuntuosamente ma non antipaticamente, non mi interessa se c’è qualcuno che si compenetra nelle mie vicende, anche perché il blog in questione è chiuso, lo apro a chi ne fa richiesta, non è visibile nei motori di ricerca, insomma è una mia stanza privata con tanti foglietti appesi alle pareti (stile “A beautiful mind”).

    So che c’è una dozzina di persone che leggono sia un blog che l’altro e ne sono felice perché vuol dire che almeno suscito interesse. Con qualcuno ho scambiato anche qualche messaggio ma fondamentalmente dall’una e dall’altra parte resto molto riservato, sicuramente si capisce cos’è che mi tormenta o cosa mi piace, però credo sia difficile interloquire, la gente si chiederà “ma alla fine, questo, cosa vuole?!?” 😀

    Ho molto tempo a disposizione e i blog, sia quelli miei che quelli che frequento, mi aiutano mettendo un po’ di sostanza alle mie giornate.

    Mi sa che non ho risposto alla tua domanda e come sempre mi sono attorcigliato su me stesso!
    😀 😀

    Ciao
    Sky

    Liked by 1 persona

  17. Non so quanto possa aiutarti la mia esperienza ma posso dirti che io sono ascoltato 2 volte su 10 e se mi ascoltassero di più vivremmo tutti meglio ma ci ho fatto il callo 🙂 più che altro, nonostante io cerchi di ascoltare tutto di tutti, spesso capita che il mio cervello dica “Hey! e se mi spegnessi?” e rinsavisco dopo qualche secondo senza aver capito nulla. Quindi magari il tuo interlocutore sta solo passando un periodaccio e non lo fa apposta a non ascoltare.
    E poi non tutti ti dicono se hanno dei problemi, quindi dovresti provare a chiedere direttamente 😀

    Liked by 1 persona

  18. Io vengo accusato di aver insultato le persone, quando nego e chiedo “Quando sarebbe successo e cosa avrei detto?” la risposta è “non ricordo cosa tu abbia detto ma sono sicuro che fosse così!”

    Liked by 1 persona

  19. perché odiare il silenzio…. è così bello!! che sia però un silenzio che parla e non un silenzio da fine… te ne accorgi quando non hai nulla da dire che il rapporto è finito….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...