Pensieri Sparsi

Il workout diventa social


Che io sia una persona estremamente pigra, presumo si sia capito anche qui; eppure quest’anno, complici magari i trent’anni che iniziano a pesare sulla mia psiche, sento l’imminente arrivo della prova costume come una costante minaccia che incombe su di me.

Fortunatamente [almeno credo] non sono l’unica a portare il peso di questo fardello sulle spalle, insomma, onestà per onestà, tutte vogliamo sentirci [e non ho scritto essere perché quello è un discorso a parte] in forma per affrontare il primo giorno di mare. Trovo già impegnativo il color bianco cadavere della mia pelle, non posso permettermi di sentirmi anche apparentata alla boa rossa che fa capolino in mezzo al mare.

Siamo a maggio, quindi, iscrivermi in palestra sarebbe una presa per i fondelli bella è buona; ben presto avrò troppo caldo anche solo per pensare di fare attività fisica; andare a correre al mattino implicherebbe puntare la sveglia troppo presto per poterlo accettare, andarci di sera risulta impensabile.

Eppure non voglio arrendermi all’idea di arrivare rotolando in spiaggia…e non sono l’unica. Su whatsapp con le mie amiche non si parla d’altro, è nata una vera e propria lotta al grasso in eccesso, una guerra con l’adipe da combattere ottimizzando i tempi e unendo le forze. E’ da queste continue discussioni intellettuali che è scaturita l’idea di utilizzare il mezzo che maggiormente ci unisce per il nostro workout quotidiano.

Possiamo mai negare di essere, oggi giorno, tutti assoggettati al dio SmartphoneAssolutamente no. Ci svegliamo con la sveglia programmata sullo smartphone, facciamo colazione controllando le notifiche, ci spostiamo utilizzando il navigatore su di esso installato, smistiamo mail e controlliamo la nostra vita sociale con esso, è il nostro compagno a pranzo e cena, alzi la mano chi non lo ha mai portato con se al bagno, non usciamo mai senza…insomma, per farla breve, chi potrebbe essere il migliore personal trainer per donne al limite della pigrizia se non il nostro telefono?

E quali potrebbero essere le migliori motivatrici al mondo se non le tue più care amiche che ti fomentano ricordando quanto stia lievitando il tuo girovita? Per spiegarvi bene il quadro completo dovrei allegarvi screenshot delle conversazioni…ma non lo farò.

Pochi minuti di delirio e entusiasmo generale sono bastati a far si che sui nostri telefonini siano comparse applicazioni malefiche come Seven, Runtastic Six Pack e Best Butt Fitness che, con allenamenti di pochi minuti al giorno, promettono di fare miracoli.

E’ una settimana, ormai, che è facile leggere messaggi del tipo:

“Ho fatto i miei sette minuti, sono morta”

“Avete fatto gli addominali?”

“Voglio il video come prova dei tuoi esercizi, non ti credo.”

Virtualmente ci siamo iscritte tutte alla stessa palestra, quanto durerà questa fissazione? Non lo so, ma, nel dubbio, tra 7 minuti e gli addominali due patatine le mangio lo stesso.

 Mi raccomando, mantenete il segreto.

Annunci

6 thoughts on “Il workout diventa social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...