Pensieri Sparsi

Li chiamano spuntini di mezzanotte….


…perché abbuffate notturne tra cuscini e piumone suona terribilmente poco di tendenza….e non sia mai. Sto parlando di quel leggero languorino, di quelli che neanche Ambrogio con un camion di Ferrero Rocher potrebbe placare, che ci prende quando ormai siamo già imbaccuccate stile befane e pronte per abbracciare il nostro Morfeo (il mio è un figo da paura, non vi dico che trauma abbandonarlo ogni mattina). Insomma, sei lì nel tuo letto a cercare  una posizione comoda mentre spunti  mentalmente la tua to do list per la serata:

  • cena consolatoria per la lunga giornata lavorativa in cui ho rischiato solo tre volte di ammazzare il mio capo;    [fatto]
  • contemplazione nostalgica di tutti i posti che ho visitato/o che vorrei visitare/o che comunque non sono casa mia;   [fatto]
  • stalkeraggio compulsivo della mia fissazione del momento tra Facebook,  Twitter, Istagram,  Tumbler e ogni altro pseudo social network;  [fatto]
  • riunione con le amiche per confrontarsi sulle indagini di stalkeraggio (commento delle zoccole random che postano foto che non dovremmo neanche immaginare di possedere);   [fatto]
  • empatica disperazione per Zayn Malik che ha abbandonato i One Direction ed empatica commozione per Liam Payne che sostiene le masse;  [fatto]
  • recupero telefilm, prima di imbattermi in spoiler che mi costringeranno all’organizzazione di omicidi di massa;    [fatto]
  • lavaggio denti con acuta osservazione delle nuove imperfezioni del mio viso;  [fatto]
  • vestizione da notte stando ben attenta alla scelta delle calze antistupro;   [fatto]
  • sintonizzazione su Real Time con i suoi programmi sulle malattie misteriose/imbarazzanti/più assurde del mondo;  [fatto]

Ok, sono pronta…Morfeo arrivo eh…aspetta…si, mi adagio meglio tra i cuscini…uhmm…ma cos’è questo rumore? Il crescente brontolio che risuona nella stanza non proviene da alcun paziente del dottor Jessen, inutile fare la vaga, quel mostro delle caverne si sta lamentando con fare minaccioso è esattamente nel nostro stomaco. Si è risvegliato e cantargli una dolce ninna nanna non servirà a farlo tornare a dormire, testardo e dispettoso ha deciso che non ci lascerà dormire finché non avremo assecondato le sue volontà.  Nessun impavido cavaliere potrà salvarci, il mostro dello stomaco ha inviato il suo esercito nel nostro cervello che inizia a tormentarci ricordandoci la mega busta di patatine alla paprika nascoste sotto il nostro letto, il trancio di pizza lasciato a cena da tua sorella, i dolcini che a cena avevi deciso di non assaggiare. Ogni tentativo di distrazione sarà vano, la nostra mente da quel momento ha un solo chiodo fisso: cibo cibo cibo. A questo punto della storia, quelli stoici resisteranno alle torture psicologiche e al profumo di lasagna appena sfornata che inizierà a riempire la stanza…e poi ci sono quelli come me che, sbuffando, sposteranno il piumone alla ricerca dell’agognato cibo. I primi non proveranno mai l’estasi di sedare il mostro, non avranno briciole di patatine nel proprio letto, non si sveglieranno pensando ma quanto cavolo ho mangiato stanotteoggi mi ammazzo di cardio. I primi non si sveglieranno logorati dai sensi di colpa che li accompagneranno fino alla colazione, fino al risveglio del mostro del mattino. Insomma, è da questa lotta notturna che si differenziano le persone: quelle che cedono alla tentazioni e quelle che le dominano. Per come la vedo io, gli spuntini di mezzanotte sono leciti,  perché avrebbero messo la luce nel frigorifero altrimenti?

Annunci

4 thoughts on “Li chiamano spuntini di mezzanotte….

  1. Hai dimenticato un pezzo fra empatia, commazione e stolkeraggio: sbavamento compulsivo. Cmq x quanto riguarda il frigo è così, lo avrebbero fatto senza luce, come avrebbero fatto la cioccolata cattiva se non fosse stata da mangiare. Le tentazioni vanno vussute non domate. W lo spuntino notturno

    Mi piace

  2. Qualcuno diceva…so resistere a tutto tranne che alle tentazioni…e mi chiedo…perché mai dovremmo resistere e non cedere?!? 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...